Rivivere la tragica del attraverso un’esplosione di polvere da sparo e fumi colorati nell’Anfiteatro di . Un viaggio poetico senza tempo che racconta la distruzione e la rinascita dell’antica città.Si tratta dell’evento unico dell’artista che il 21 febbraio alle 13.00, nell’arena dell’Anfiteatro, darà luogo all’Explosion Studio: un’esplosione artistica che ripropone non soltanto la tragedia che sconvolse , ma anche la sua fortunosa scoperta in grado di riportare alla luce eccezionali testimonianze storiche ed archeologiche. L’evento si aprirà con i saluti della direttrice ad interim del Parco Archeologico di , Alfonsina Russo, dal direttore del , Paolo Giulierini, del curatore artistico del progetto, Jèrôme Neutres e dell’artista . Le opere create dall’esplosione artistica saranno “scavate” e poi trasferite al Museo Archeologico Nazionale di Napoli per la preview stampa, prevista il 22 febbraio alle 16.30. Fino al 20 maggio 2019, disseminati negli spazi museali (dalla Collezione Farnese alla sezione affreschi, dall’atrio alla collezione dei mosaici), i lavori di Cai Quo Qiang racconteranno il legame indissolubile tra passato e presente, cultura orientale ed occidentale. L’evento all’Anfiteatro, riservato alla stampa, sarà interamente documentato e visibile al pubblico nell’ambito della Mostra al . L’artista prosegue, con questo doppio appuntamento artistico, la sua attività in Italia, dopo il successo della performance con fuochi d’artificio a Firenze – “. City of Flowers in the Sky” – e della personale “Flora Commedia alle Gallerie degli Uffizi”, in programma fino al 17 febbraio 2019, nell’ambito del più ampio progetto “Viaggio di un Uomo nella Storia dell’Arte Occidentale” di . “In the Volcano. Cai Guo-Qiang and Pompeii” ospitato dal Parco Archeologico di Pompei e dal Museo archeologico Nazionale di Napoli e’ stato possibile grazie al supporto speciale della Fondazione Morra.



Cronache Tv



Altro Cultura

Ti potrebbe interessare..