Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Area Flegrea

Polemiche per la pericolosità di via Campana dopo la morte dell’operaio

Pubblicato

il

via campana


Il grave incidente stradale di ieri costato la vita a Vincenzo Pariota, originario di Quarto ma residente a Villaricca ha riaperto le polemiche sulla pericolosità di via Campana. L’uomo di quarantuno anni, era in sella a uno scooter in via Campana, strada che unisce Marano e Villaricca alla zona flegrea quando è avvenuto l’impatto. Operaio edile in una ditta di Quarto, si stava recando al lavoro quando per cause ancora in corso di accertamento, ha investito un quarantaseienne di Qualiano in bicicletta. Il ciclista è sbalzato sul selciato, mentre Pariota ha terminato la sua corsa contro uno dei jersey di cemento sistemati da tempo lungo la careggiata. La strada sulla quale è avvenuto il terribile incidente è una delle più insidiose della zona flegrea: franò diversi anni fa, ma il costone da allora, non è mai stato messo in sicurezza, motivo per cui sono presenti ancora i jersey contro i quali Patriota ha perso la vita. E proprio la presenza dei jersey ha scatenato le polemiche sui social dopo la morte di Vincenzo.
Sul posto sono accorsi i carabinieri della tenenza di Quarto e gli agenti della polizia municipale. La salma dell’operaio è stata trasportata al Secondo Policlinico di Napoli, dove nelle prossime ore sarà eseguita l’autopsia. Il quarantaeienne di Qualiano, invece, è stato medicato all’ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli ed è stato dimesso poco dopo con otto giorni di prognosi. Vincenzo Pariota lascia moglie e due figli.

Area Flegrea

M5S, Saiello: “Regione sostenga la candidatura di Procida capitale della Cultura 2021”

Pubblicato

il

m5s saiello
Pubblicità'

Mozione del consigliere regionale: “Opportunità di crescita e rilancio per la Campania, come è accaduto con Matera”

“La candidatura dell’isola di Procida a capitale della Cultura 2021 è un’opportunità che la Campania non può assolutamente permettersi di perdere. Abbiamo un’occasione storica per accendere i riflettori su uno dei posti più affascinanti del Golfo che, facendo da attrattore culturale a livello internazionale, non potrà che aumentare il moltiplicatore turistico, con un importante impatto su tutti gli altri comparti e una significativa e inevitabile ricaduta su tutto il territorio regionale. Valga l’esempio di Matera, capitale della Cultura nel 2019, che ha fatto registrare una crescita delle imprese dei settori culturale e creativo e di start-up innovative, con un tasso di occupazione che ha registrato una crescita dal 48% al 52,7%”.

Lo dichiara il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Gennaro Saiello, che ha presentato una mozione per impegnare la giunta regionale “a mettere in atto tutte le possibili iniziative volte a sostenere il progetto Procida Capitale italiana della cultura 2022, che rappresenta un’opportunità per l’intero territorio regionale, anche nella prospettiva di rilanciare settori che hanno particolarmente subito gli effetti dell’emergenza sociosanitaria in corso. Dobbiamo intanto dirci fieri per il fatto che Procida sia la prima isola a candidarsi nella storia dell’evento, rappresentando la Campania e le piccole isole del nostro Paese”.

Pubblicità'

Le Notizie più lette