Camorra, torna ai domiciliari il fratello del boss di Pimonte

Torna agli arresti domiciliari Francesco Afeltra, 44 anni, detto “Franchetiello”, pregiudicato di Pimonte e fratello del boss latitante Raffaele ’o burraccione. Era stato rimesso in libertà dal Tribunale del Riesame di Napoli il 28 dicembre scorso per un difetto di notifica a uno dei suoi avvocati (Iolanda Chierchia che lo difende insieme con l’avvocato Francesco Attanasio). E’ durata pochi giorni quindi la libertà per Afeltra arrestato per estorsione e associazione camorristica nell’ambito dell’operazione Olimpo che portato in carcere url mese scorso i vertici dei clan della camorra della zona stabiese e dei Monti Lattari e il noto imprenditore Adolfo Greco. E proprio per un’estorsione con la complicità di Greco che Afeltra è finito in manette. Estorsione ai danni dell’imprenditore lattiera caseario di Agerola, Giuseppe Imperati, al quale erano stati rubati due furgoncini di prodotti prima di chiedere una tangente di 50mila euro.

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati