Al PalaSele di Eboli grandi nomi per la prima parte del calendario musicale 2019

google news

Manca un mese alla ripresa dei concerti al PalaSele di Eboli. Nove live già programmati in quattro mesi. Il calendario 2019, a cura di Anni 60 produzioni, vede il ritorno a Eboli di Emma, Negramaro, Alessandra Amoroso, Marco Mengoni. In programma poi, Thegiornalisti, Ultimo, Fedez, Raf e Tozzi. Già registrato da tempo il primo sold out – quello della prima tappa di Alessandra Amoroso – la caccia al biglietto per gli altri appuntamenti è ancora aperta. Tutti gli spettacoli avranno inizio alle ore 21.00.
Per informazioni sulle prevendite ufficiali autorizzate, sul costo dei biglietti e sulle prenotazioni per i diversamente abili, basterà contattare lo 089 4688156 o consultare il sito www.anni60produzioni.com. Primo appuntamento lunedì 18 febbraio con Emma e il suo “Essere qui tour – exit edition 2019”. Si prosegue lunedì 11 marzo con i Negramaro e “Amore che torni tour indoor”. La band tornerà a suonare dal vivo nella sua formazione al completo dopo lo stop per le condizioni di salute del chitarrista Lele Spedicato. Sabato 23 marzo – prima data sold out – per Alessandra Amoroso che con il nuovo album “10” ha già conquistato il Disco di Platino. Prosegue senza sosta anche il successo dei THEGIORNALISTI, la band capitanata da Tommaso Paradiso. Giovedi’ 28 marzo sara’ la prima volta che si esibiranno al PalaSele di Eboli. C’è grande attesa per il ritorno discografico e live da solista di Fedez, a Eboli per la prima volta sabato 30 marzo. Partirà sabato 27 aprile proprio dal PalaSele di Eboli “Colpa delle favole Tour” di Ultimo, il giovane cantautore romano consacrato dal trionfo tra le Nuove Proposte al Festival di Sanremo 2018. Due grandi artisti, Raf e Umberto Tozzi tornano a cantare insieme e saranno protagonisti di un imperdibile tour e per la prima volta insieme. La tappa al PalaSele di Eboli del tour “RAF TOZZI” è in programma per martedì 7 maggio. A chiudere questa prima parte del calendario di musica dal vivo al PalaSele di Eboli, Marco Mengoni.