Ossa nella Nunziatura, Girotti: ‘In Vaticano nessuno crede alla svolta’

SULLO STESSO ARGOMENTO

“In Vaticano tutti pensano che i nomi di Emanuela Orlandi e Mirella Gregori non c’entrino nulla col ritrovamento delle ossa che ha avuto luogo sotto il pavimento della Nunziatura Apostolica di via Po a Roma”, dice – in un’intervista a Repubblica – monsignor Gianfranco Girotti, reggente emerito della Penitenzieria Apostolica. Gia’ quando la magistratura cercava i resti di Emanuela a Sant’Apollinare disse che non li avrebbe trovati: “Anche allora – afferma – mi sembrava un’ipotesi priva di un reale fondamento. E lo confermo oggi. Non e’ inusuale trovare sotto le chiese o sotto gli edifici in zone extraterritoriali resti umani. Cosi’ credo che con Orlandi e Gregori questi resti non abbiano nulla a che fare: posso sempre sbagliarmi ma questo e’ il mio pensiero”. Girotti spiega che “prima di essere Nunziatura quella di via Po era una semplice abitazione. Era di un ebreo di Torino, il quale decise di lasciare in eredita’ la propria residenza romana a Papa Pio XII. Era il 1949”, “la Nunziatura in ogni caso venne spostata li’ solo nel 1959. Quelle ossa possono appartenere a chiunque”.






LEGGI ANCHE

Minaccia di gettarsi nel vuoto per evitare l’arresto a Sant’Angelo dei Lombardi

Una mattinata movimentata a Sant'Angelo dei Lombardi, in provincia di Avellino, si è conclusa fortunatamente senza conseguenze, quando un uomo di 63 anni ha...

A Scena Teatro workshop con Giuseppe Sartori ‘Premio Stampa Teatro’

Workshop teatrale con Giuseppe Sartori: "Premio Stampa Teatro" Il “Teatralmente parlando” è il workshop che si terrà presso l'Auditorium del centro sociale di Salerno...

Giugliano, naso rotto ad ausiliario del traffico per una multa

Una aggressione particolarmente grave ha visto un vigilino subire una frattura al setto nasale per un ticket da 50 centesimi non pagato. Il sindaco...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE