Napoli, Catacombe di San Gennaro: il cardinale Sepe incontra padre Loffredo

SULLO STESSO ARGOMENTO

E’ durato quasi di tre ore l’incontro tra il cardinale Crescenzio Sepe e don Antonio Loffredo, parroco del Rione Sanita’. Al centro dell’incontro il futuro delle Catacombe di San Gennaro: due giorni fa, a Napoli, Sepe ha incontrato, in Curia, Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio per la Cultura, a capo della Commissione di Archeologia sacra da cui dipendono le Catacombe. Stando alla convenzione, che scadra’ il prossimo mese di luglio, il 50% degli incassi derivanti dalla vendita dei biglietti sarebbe dovuto andare al Vaticano. In questi anni sono stati realizzati il restauro degli spazi, impianti di illuminazione, accesso per i disabili, 34 le guide assunte (erano 5 all’inizio), 16 persone che lavorano per la manutenzione, 6mila metri quadri restituiti alla citta’, 15mila metri quadri di spazi esterni. “Siamo convinti che le rimostranze dei vertici del Vaticano siano frutto di un equivoco”, dicono i ragazzi delle Catacombe. La Paranza ha sottoscritto negli anni passati un accordo per la valorizzazione delle catacombe di Napoli, nonche’ la formazione di nuovi operatori per la gestione, la promozione la valorizzazione dei siti. “A tutti era chiaro, nel 2008, che nel Rione Sanita’ la tutela e la rivalutazione del patrimonio storico artistico non potesse prescindere dagli interventi di sviluppo occupazionale e sociale – evidenziano – Tutti gli obiettivi sono stati raggiunti”. “Con i proventi dei biglietti e’ stato possibile non solo offrire opportunita’ di lavorio ai giovani del quartiere, ma anche salvare le catacombe dal degrado e dall’abbandono in cui versavano – aggiungono – La bellezza del nostro sogno ha indotto tanti privati a sostenerci. E’ stato possibile in pochi anni: realizzare un impianto di illuminazione con tecnologie avanzate, procedere a numerosi restauri che hanno riportato alla luce affreschi ormai invisibili, abbattere le barriere architettoniche e realizzare un infopoint per accogliere gli ospiti. Tutto cio’ e’ stato realizzato informando debitamente gli organi della Pontificia Commissione seguendo le indicazioni ricevute. Il nostro modello virtuoso ha prodotto un notevole incremento di visitatori. I risultati sono sono sotto gli occhi di tutti”. “Una nuova Convenzione e’ cio’ che auspichiamo di cuore in tempi brevi, alla luce di quanto e’ stato positivamente sperimentato dalla Chiesa di NAPOLI, una convenzione che sia finalmente coerente con quanto sottoscritto nel Progetto del 2008 e con la buona prassi ormai diventata negli anni consuetudine – proseguono – Il nuovo segretario generale della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra, di certo, sapra’ armonizzare, la feconda sperimentazione in atto nel Rione Sanita’, all’interno della nuova Convenzione”. “La profetica visione che puntava sulla risorsa piu’ grande che abbiamo, l’Uomo – concludono – ha generato un nuovo modo di pensare e di agire, personale e collettivo, che racconta la possibilita’ di un tipo di azione ecclesialmente orientata, creativa, connettiva, produttiva e responsabile, capace di impattare positivamente sulle forme del produrre, dell’innovare, dell’abitare, del prendersi cura, dell’organizzare, dell’investire, immettendovi nuova vita”.







LEGGI ANCHE

A più voci: al via, la V edizione della rassegna polifonica della Fondazione Pietà de’ Turchini

La quinta edizione di A più voci, rassegna polifonica curata dalla Fondazione Pietà de' Turchini, prende il via venerdì 1° e sabato 2 marzo all'interno della stagione Frequenze inaudite. L'obiettivo è valorizzare il repertorio polifonico, unendo realtà artistiche diverse in 3 concerti in 2 giorni. I protagonisti includono l'Ensemble Vocale di Napoli, il CorAle Femminile Aureliano e il Coro Musicanova, ognuno con un programma musicale unico. Gli eventi si terranno presso la Chiesa di...

Avellino, cerca di portare figlia all’estero: fermata dai Carabinieri

Una madre di origini straniere è stata fermata mentre cercava di portare la figlia di 4 anni all'estero, a Montefusco, in provincia di Avellino. Tutto è iniziato quando il marito ha segnalato alle autorità di essersi allontanato per qualche giorno e al suo ritorno aver scoperto il tentativo della moglie di lasciare il Paese con la bambina. I Carabinieri della Compagnia di Mirabella Eclano sono intervenuti prontamente, identificando il veicolo e il conducente coinvolti nel tentativo...

Napoli, l’imprenditore Gianni Forte riapre il negozio dopo le rapine

L'imprenditore Gianni Forte ha preso la decisione di riaprire il suo punto di centro scommesse in via Luigi Volpicella a Napoli, dopo aver subito una serie di rapine che lo avevano portato alla chiusura dell'attività. La riapertura avverrà il prossimo venerdì, 1 marzo 2024, in seguito agli attestati di solidarietà ricevuti e al supporto delle istituzioni locali, tra cui la Squadra Mobile che ha arrestato uno dei responsabili delle rapine. Forte ha incontrato il prefetto di...

Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE