Città Metropolitana, Lebro: ‘Su delibera zona rossa de Magistris ricorre alla damnatio memoriae e non pone freni all’incremento dei volumi residenziali’

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Oggi all’ordine del giorno del Consiglio metropolitano, finalmente, è stata inserita la delibera di indirizzi per le Amministrazioni comunali ricadenti in zona rossa in merito alla pianificazione urbanistica, territoriale ed emergenziale, una delibera approvata circa un anno fa dal sindaco de Magistris su mia proposta, in qualità di Consigliere Delegato alla pianificazione territoriale ed urbanistica. La cosa anomala è che essa è stata completamente stravolta nei contenuti e poi trasformata direttamente in una delibera del Consiglio, depennando guarda caso il mio nome. Proprio come accadeva nell’antichità, in cui a coloro che venivano considerati ostili agli interessi di Roma veniva applicata la punizione della cancellazione della memoria e delle opere, così il sindaco de Magistris ricorre nei miei riguardi alla damnatio memoriae. Un gesto ai limiti del ridicolo, ma che nei fatti nasconde elementi ancora più gravi, non ponendo freni al possibile aumento di volumi residenziali”. Ad affermarlo è David Lebro, Consigliere della Città Metropolitana e Capogruppo de “La Città” al Consiglio comunale di Napoli.“Al di là della procedura anomala adottata al fine di cancellare il mio nome dall’atto -spiega Lebro-, la cosa grave è che, se si confronta la delibera originaria con la nuova, si può notare come sia stata eliminata tutta la parte relativa al divieto assoluto di incrementare i volumi residenziali nei Comuni ricadenti nella zona rossa; favorire il cambio di destinazione d’uso, da volumi residenziali a non residenziali e produttivi; facilitare il frazionamento degli edifici senza incremento dei carichi insediativi, più ulteriori linee guida complementari. Questi indirizzi andavano a colmare la mancanza del Piano Strategico Operativo, ai sensi della L. 21/03, invece con l’abolizione di questi punti essenziali siamo ritornati all’anarchia più totale. Ciò significa che, nelle aree già soggette ad elevato rischio vulcanico ed idrogeologico, quello che doveva rappresentare un blocco all’incremento dei volumi residenziali si trasforma, invece, nella possibilità di aumentare il consumo di suolo attraverso la modifica dei singoli piani urbanistici comunali. Una cosa inaudita che svilisce lo stesso impianto deliberativo perché piuttosto che diminuire si va ad incrementare il rischio”.“La cosa vergognosa -conclude Lebro- è che si continua a non dare indirizzi urbanistici precisi ai Comuni, lasciandoli nelle condizioni di non poter effettuare una pianificazione corretta. Tutto ciò fa venire meno l’essenza stessa della Città Metropolitana e la sua principale funzione di guida e coordinamento degli Enti che ne fanno parte


Torna alla Home


Napoli, processo crollo Galleria Umberto: due imputati rinunciano alla prescrizione

Due dei cinque imputati nel processo d'appello sulla tragedia della Galleria Umberto I di Napoli, accaduta il 5 luglio 2014, hanno deciso di rinunciare alla prescrizione. In quella tragica giornata, lo studente quattordicenne Salvatore Giordano, residente a Marano di Napoli, perse la vita a causa delle gravi ferite riportate quando...

Altre tre scosse di terremoto nella notte ai Campi Flegrei

Non si ferma lo sciame sismico nei Campi Flegrei. Nella notte appena trascorsa i sismografi dell'Ingv hanno registrato tre movimenti tellurici con epicentro nella Solfatara di magnitudo compresa fra i 2.0 e i 2.5. Il primo sisma è stato registrato alle 3,34 ed è stato di magnitudo 2. Poi alle...

Camorra, niente giustizia riparativa per Mariano Riccio: la Dda chiede l’ergastolo

Il boss scissionista dopo essersi dissociato ha tentato la carta della riduzione della pena che è stat respinta:: Chisto il massimo della pena per gli omicidi Abrunzo Gaiola del 2021

Oroscopo di oggi 16 aprile 2024

Oroscopo di oggi 16 aprile 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno Ariete (21 marzo - 19 aprile): Oggi è una giornata perfetta per mettere in atto i tuoi progetti. L'energia del pianeta Marte ti darà la giusta spinta per andare avanti. Tuttavia, fai attenzione a non esagerare con...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE