Trovati due telefoni cellulari nel carcere di Rebibbia

SULLO STESSO ARGOMENTO

Nella mattinata di ieri personale di Polizia Penitenziaria in servizio nel reparto colloqui durante un controllo nei confronti delle sorelle di un detenuto ristretto al reparto G11 dell’istituto penitenziario di Rebibbia Nuovo Complesso di Roma hanno scoperto due telefoni cellulari e la somma di duecento euro, evidentemente destinati al detenuto. A dare la notizia e’ il segretario dell’Osapp (Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria) Leo Beneduci. “E’ sempre e solo la Polizia Penitenziaria che – afferma, in una nota, il segretario – a fare in fondo il proprio dovere, con sacrificio e in precarieta’ di organico e di risorse, continuando a mantenere integre le condizioni di sicurezza e di legalita’ interne alle Carceri, a Rebibbia come altrove, andando ad individuare con perizia strumenti che possono minare la sicurezza della collettivita’ esterna quali ed appunto i telefoni cellulari”. “Purtroppo – conclude Beneduci – anche per il caso di Rebibbia, come per quelli in altri istituti di pena, risulta lontana la consapevolezza da parte delle Autorita’ politiche ed Istituzionali in ordine alla strettissima correlazione tra la sicurezza interna agli istituti penitenziari e la sicurezza della collettivita’ esterna al carcere”.


Torna alla Home

Napoli, operaio morto: oggi sciopero degli edili. La figlia: “Questo sterminio deve finire”

Napoli. La figlia di Antonio Russo l’operaio di 63 anni di Giugliano morto due giorni fa nel cantiere della Metro di Capodichino chiede: “Dignità e verità per mio padre. Questo sterminio deve finire”. Oggi sciopero di 8 ore degli edili mentre l'inchiesta della Procura di Napoli fa i suoi...

Napoli, era a Materdei la centrale telefonica delle truffe agli anziani

Napoli. Era a Materdei la centrale telefonica delle truffe agli anziani, gestita dalla famiglia di Giovanni Uccello insieme ai figli Alfonso ed Eduardo. Era in un appartamento in viale dei Gesuiti. Mentre Giuseppe Romanelli “’o zio” fungeva da anello di collegamento tra i capi dell’organizzazione e i “trasfertisti”. Una banda...

CRONACA NAPOLI