Castellammare, trovato con droga in casa: arrestato 31enne

Proseguono senza sosta i blitz antidroga dei carabinieri di...

Storyriders: attesi a Torchiara Marcello Veneziani e Don Virginio Colmegna

SULLO STESSO ARGOMENTO

Storyriders, la rassegna giunta alla quarta edizione e che ha trasformato la suggestiva Torchiara nella capitale dei “cunti e racconti” si interroga, a distanza di sessant’anni sul ’68. Marcello Veneziani, domani sera, ore 21.30, a Borgo Riccio racconterà “Quel Che resta del’68”. Una lettura irriverente ed iconoclasta già fatta nel libro “Rovesciare il ’68” (Mondadori). Fallimento come rivoluzione politica ed economica ininfluente sugli assetti di potere; significativa, invece, come rivoluzione di costume, mutamento culturale. Fu una scossa che produsse anche salutari cambiamenti, si pensi alla condizione femminile. Suo segno distintivo la decisa rottura tra elementi contrastanti: lecito ed illecito, naturale e volontario, alto e basso. Diversa la lettura di Don Virginio Colmegna che, sabato sera (1 settembre), sempre alle 21.30 a Borgo Riccio, commenterà il film di Ferdinando Vicentini Orgnani “Il 68 e l’utopia della ragione”. Per il sacerdote ambrosiano, presidente della Fondazione Casa della Carità, il ’68 ha significato “un periodo di grandi utopie, spesso fortemente ideologizzato ma, comunque, pervaso da un desiderio di cambiamento positivo, voluto con forza dai più giovani”.  Emblematico il fatto che i primi movimenti sono nati in ambito universitario. Anche la Chiesa fu interessata da questo vento nuovo, bene esemplificato dal Concilio Vaticano II che ha cambiato il suo modo d’essere è poi anche agli insegnamenti di Don Lorenzo Milani. Il desiderio di un futuro sensibile si diritti di tutti ed alla giustizia sociale ne costituisce l’eredità più importante.

PUBBLICITA

googlenews
facebook


I FATTI DEL GIORNO

ULTIME NOTIZIE

TI POTREBBE INTERESSARE