Fratelli-coltelli per questioni di eredità: uno in ospedale, altro denunciato

SULLO STESSO ARGOMENTO

Scafati. Fratelli-coltelli per questioni di eredità: uno in ospedale, l’altro denunciato. E’ accaduto l’altro giorno: i due litigavano da tempo per la divisione di una proprietà di famiglia. Ma l’altro giorno la lite stava per sfociare in tragedia. Nuova discussione alla presenza di altri familiari sempre per lo stesso motivo. I due erano a casa della madre. In breve tempo la situazione è degenerata e dalle parole si è passati alle mani. Mentre i due si picchiavano selvaggiamente sarebbe comparso un coltello e uno avrebbe sferrato un fendente. Nonostante la violenta lite nessuno ha avvertito le forze dell’ordine e solo quando il ferito è arrivato in ospedale sono stati allertati i carabinieri, informati dai medici che gli hanno prestato i primi soccorsi.
Sono così scattate le indagini. I militari della tenenza di via Oberdan hanno cercato di ricostruire la dinamica dei fatti. Nessuna traccia però della lama spuntata durante la discussione. L’aggressore, che è stato denunciato per tentato omicidio,  avrebbe confermato che si trattava di un pezzo di vetro appuntito, raccolto da terra.






LEGGI ANCHE

“Giustizia per Fulvio”: la madre e l’Università di Napoli chiedono verità

"Giustizia per Fulvio" è il grido che unisce la madre di Fulvio Filace, Rosaria Corsaro, e l'Università Federico II di Napoli, dove il giovane...

‘Madame Camorra’ di Giovanni Terzi: presentazione del libro a Salerno

Il 24 febbraio, alle ore 17:30, presso il Salone Genovesi della Camera di Commercio di Salerno in via Roma, 29, si terrà la presentazione...

Nola, fatture false: sequestrati circa 8 milion i di euro a società di commercio alcolici

Stamane i militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal Giudice...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE