Cava, si tuffa e batte con la schiena: 66enne resta paralizzato

SULLO STESSO ARGOMENTO

Un tuffo fatale per Giuseppe A. 66enne di Cava de’ Tirreni. L’uomo attualmente è ricoverato all’ospedale Ruggi d’Aragona di Salerno. Ieri mattina il 66enne è giunto in località Campolongo di Eboli. Poco dopo le 11 è entrato in acqua tuffandosi. Il fatale impatto con la sabbia, i dolori e il vuoto: gambe e braccia immobili. Attimi che Giuseppe non dimenticherà mai più. I muscoli di Giuseppe non rispondevano più agli input del cervello. I primi soccorritori hanno immaginato che il trauma fosse momentaneo. Passato il dolore sarebbe tornato tutto alla normalità, invece niente. Giuseppe ha battuto con la testa sul fondale basso. La lesione al collo gli ha provocato danni enormi. Sulla spiaggia sono giunti i medici del 118 che hanno trasferito il paziente in ospedale. A quanto pare, però, il midollo spinale è lesionato in maniera seria. Le probabilità che Giuseppe torni a camminare e a muovere le braccia, per ora, sono basse. Nei prossimi giorni i medici decideranno il percorso che Giuseppe dovrà seguire.


Torna alla Home


Il video della violenta aggressione ad Antonio Morra e il pugno che gli ha causato la morte

Le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza del Mandela Forum la sera di giovedì sono chiare: una discussione,  un pugno e una caduta dalle scale. Così ha perso la vita Antonio Morra, 47 anni, originario di Napoli ma residente a Pistoia: è stato aggredito dopo il concerto dei Subsonica...

Sciame sismico anche sul Vesuvio, scossa in serata di magnitudo 2.1

Una domenica bestiale: e non è certo quella cantata anni fa da Fabio Concato. E' quella che hanno vissuto tutti i cittadini dei comuni dei Campi Flegrei e di buona parte della città di Napoli. Poi nei pomeriggio ci si è messo anche il Vesuvio. Perché anche l'area del Vesuvio...

Nisida, rimossi gli ormeggi abusivi dai fondali

“Ringrazio la Capitaneria di Porto e l’Autorità di sistema portuale di Napoli per aver coordinato sabato mattina un intervento importante sul litorale di Nisida grazie al quale sono stati rimossi dai fondali diversi ‘corpi morti’ utilizzati dagli ormeggiatori abusivi per ancorare le barche dei loro clienti. Grazie a questa...

Scampia, droga nascosta nel tubo: arrestato 19enne

Nel pomeriggio di ieri, durante un servizio di controllo del territorio a Scampia, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico hanno osservato due uomini vicino ai porticati di un edificio in via Annamaria Ortese. I due hanno estratto qualcosa da un tubo cementato nell’asfalto e l'hanno scambiata con una...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE