Imprenditore casertano ucciso Modena, fermato il socio: è della provincia di Avellino

SULLO STESSO ARGOMENTO

Un cinquantenne originario di Avellino, residente a Modena, con piccoli precedenti per reati contro il patrimonio, e’ stato fermato dalla squadra mobile della polizia di Modena poiche’ indiziato dell’omicidio di Raffaele Cavaliere, 67enne di Caserta, sempre residente a Modena, ucciso con numerose coltellate e rinvenuto cadavere, ieri, alle prime luci dell’alba tra via Emilia Est e via Mavora. L’uomo e’ socio della vittima, i due, infatti, avevano una srl nel mondo dell’edilizia. L’omicidio sarebbe avvenuto nella giornata di martedi’. Il presunto omicida avrebbe ucciso Cavaliere colpendolo piu’ volte con un cutter, poi, pare, si sarebbe fatto venire a prendere non lontano dal luogo del delitto, da una persona gia’ identificata e sentita dagli inquirenti. Il movente resta quello economico, ovvero dissidi fra i due legati ai soldi.


DALLA HOME

Castellammare, il pentito: “Quel giorno non dovevamo uccidere Tommasino ma gambizzare un imprenditore”

Castellammare. Il pomeriggio del 3 febbraio del 2009 Gino Tommasino non doveva morire. Il commando di killer del clan D'Alessandro era in giro per compiere un'altra missione: dovevano gambizzare il titolare dei campi di calcetto che si trovano a pochi metri dall'abitazione del consigliere comunale del Pd poi ucciso. Ma...

CRONACA NAPOLI

LEGGI ANCHE