Vittime del prete pedofilo cileno esultano: la lettera del Papa

SULLO STESSO ARGOMENTO

Città del Vaticano. Le vittime del sacerdote pedofilo Fernando Karadima ricevute nelle scorse settimane a Casa Santa Marta dal Papa hanno commentato la notizia su Twitter. “Per dignità, giustizia e verità: lasciano tutti i vescovi. Delinquenti. Non hanno saputo proteggere i più deboli, li hanno esposti agli abusi e invece hanno impedito la giustizia. Per questo, meritano semplicemente di andarsene”, ha scritto José Andrés Murillo. “I vescovi cileni hanno rinunciato TUTTI. E’ inedito ed è un bene. Questo cambia le cose per sempre”, ha commentato Juan Carlos Cruz. 
Il problema degli abusi sessuali sui minori e dell’insabbiamento delle denunce non si risolve “solo con la rimozione di persone, che pure bisogna fare”, ma “non è sufficiente”. Bisogna che i vescovi non cadano nella tentazione di voler salvare sé stessi e la loro reputazione: “il problema è il sistema”. Lo aveva scritto Papa Francesco in una lettera riservata che ha consegnato ai vescovi cileni convocati in questi giorni a Roma per un vertice straordinario rilevata dalla televisione cilena Antena 13. Oltre alla lettera pubblicata ieri dalla sala stampa vaticana, a conclusione dei quattro incontri che ha avuto con loro, Francesco ha consegnato ai vescovi anche un documento di dieci cartelle – probabilmente il testo di meditazioni consegnato ai presuli a inizio degli incontri, martedì – nel quale esamina dettagliatamente i problemi emersi. Jorge Mario Bergoglio scrive di “fatti delittuosi” e del modo con cui sono stati coperti gli abusi sessuali, di potere e di coscienza. Il Papa scrive che alcuni religiosi, espulsi dai loro rispettivi ordini per gli abusi commessi, sono stati accolti da altre diocesi e hanno ricevuto incarichi che li hanno portati a contatto con bambini e ragazzi. Francesco ha criticato il modo con cui sono state condotte le indagini sugli abusi: le denunce ricevute “sono state qualificate come inverosimili” mentre rappresentavano “gravi indizi” (così è accaduto anche all’inizio del caso Karadima). Certe inchieste non sono state realizzate e si sono verificate negligenze nella protezione dei bambini da parte dei vescovi e dei superiori religiosi. Ci sono state anche – sottolinea il Papa – pressioni su coloro che dovevano fare i processi, e c’è stata anche “la distruzione di documenti” compromettenti. Si sono verificati problemi nei seminari: vescovi e superiori religiosi hanno affidato la guida dei seminari a sacerdoti sospetti praticare l’omosessualità. La Chiesa cilena, ha scritto ancora il Papa nel documento, “ha perduto il suo centro e si è concentrata su se stessa”. Non c’è stata sufficiente attenzione alle vittime e gli atteggiamenti di messianismo, elitarismo e clericalismo “sono sinonimi di perversione ecclesiale”. C’era dunque un atteggiamento nella Chiesa cilena, che faceva sentire i suoi responsabili come “superiori” agli altri.







LEGGI ANCHE

Oroscopo di oggi 22 febbraio 2024

Oroscopo di oggi 22 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno Ariete: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e determinato a portare a termine...

La camorra spara a Pomigliano e Torre Annunziata: bossoli in strada

La provincia di Napoli è stata scossa da due sparatorie nella serata di ieri. I carabinieri sono intervenuti in due città diverse dopo la...

Marigliano, picchia il dirigente Asl che rifiuta di cambiargli il medico di base

A Marigliano, un uomo di 67 anni è stato denunciato dai carabinieri per aver reagito in modo violento al rifiuto di cambio del medico...

Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE