Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Ultime Notizie Oggi

Tuppi DJ al Dum Dum Republic per la festa in spiaggia tra Patchanka made in Puglia, funk e hip hop

Pubblicato

in



“I feel good…..” La Patchanka made in Puglia torna a far vibrare la dancehall in riva al mare del Dum Dum Republic. Protagonista indiscusso il live set scanzonato ed ironico di Tuppi Dj per uno strepitoso party in spiaggia.  A scandire il ritmo solo la musica, sempre ricercata ed alternativa, in un’architettura di divertimento che punta all’irriverenza, in cui il funk recupera il significato originario nello slang degli afroamericani: un funky, quindi, “sexy”, “sporco”, “attraente” ma anche “autentico”, originale e libero da inibizioni. Funky che si fonde ad hip hop, suoni vintage con selezioni in vinile, swing pop, reggae ed acid jazz nella ricerca sonora di Tuppi Dj, on stage a far scatenare la pista del Dum Dum domenica 8 aprile a partire dalle ore 16.00.
Ideatore della one-night “Funkers”, Tuppi organizza feste dove il suono vintage si mescola al nuovo millennio, selezionando vinili della Stax e Motown passando per Ubiquity e Def jam, Trojan, fino a Strictly Rithm, Salsoul, Ibadan ecc… Tra gli ospiti di Funkers: Eddie Piller (fondatore dell’ Acid Jazz records), Questlove dei “The Roots” e Ursula Rucker.
Tuppi Dj usa il microfono per rappare e cantare e le mani per scratchare: è esuberante e divertente, sarcastico e riflessivo. Una narrazione cantata e rappata, violentando con lo strumento del hip hop la classica canzone italiana per adattarla a questi tempi di incertezze esistenziali.
“Italiano superfunk. Dalle strade al mainstream, con un piede sull’asfalto e l’altro sui sofà degli studi buoni della tv, la vita di un dj hip hop non potrà mai essere scontata, lineare, inquadrabile in categorie utili a scaffali di negozi – racconta di Tuppi il critico Gaetano Occhiofino – E’ l’opinione di un b. boy che rivendica il sacrosanto diritto al party, da difendere con la lotta come insegnano i maestri. E’ la raccolta rap e riccioluta dell’intrattenitore  con la bocca al microfono, una mano sul piatto e l’altra sul cuore, a cantare commosso l’inno internazionale del funk”.
Una carriera iniziata a soli 13 anni, come dj e scratcher, passando per il club Fez di Nicola Conte, i dischi di Zona 45 e Pooglia Tribe, innumerevoli selezioni dalle radio alle spiagge pugliesi, nei club italiani. Dall’amore per la strada degli hip hoppers  di Bari fino a “Viva Radio 2” con Fiorello. La composizione delle musiche per lo spettacolo itinerante Voci nel Deserto, l’esperienza in teatro nello spettacolo teatrale “AMO” con Serena Dandini e Neri Marcorè e ancora in tv nel programma satirico “B.R.A. Braccia Rubate all’Agricoltura”, il palco con Paolo Belli e la sua Big Band, Tuppi prosegue sulla scena con la pubblicazione dell’album Greatesthitz, un concentrato multivitaminico di suoni “antichi” e temi moderni, con strutture ritmiche antitetiche, sintesi di parole che fanno rima con precarietà, Italia, funk, tasse, casse, joint, con grande forza espressiva. Nel 2015 esce “Jockey”, una canzone dedicata al mondo dei Disc Jockey. Il primo estratto di un nuovo progetto di tre tracce, in collaborazione con il producer Syncro, intitolato “Un.Ep”. Nel 2016 inizia la collaborazione con Roy Paci nel progetto “Combo Solar”. Meltin’ Pot, Fabio Novembre, Alberto Guardiani, GQ Magazine, Vanity Fair, Nastro Azzurro, sono alcuni dei nomi con cui Tuppi ha collaborato, in occasione di sfilate e parties.

Continua a leggere
Pubblicità

Calcio

Carica Gattuso: ‘Voglio una grande gara contro la Real Sociedad’

Pubblicato

in

GATTUSO

“Abbiamo una gara importante e difficile, giovedi’ scorso abbiamo preso una mazzata contro l’Az ma ci sono ancora 15 punti a disposizione nel girone. Sentiamo la pressione, voglio una gran partita”. Rino Gattuso vuole dimenticare il ko all’esordio in Europa League e cerca il suo Napoli migliore domani sera nella sfida a San Sebastian contro la Real Sociedad, che e’ gia’ uno spartiacque vito che un ko renderebbe in netta salita la qualificazione al turno successivo. Il tecnico lo sa, ha motivato la squadra: “Sono d’accordo – dice – con l’allenatore della Real, Alguacil, siamo due squadre simili, anche loro hanno velocita’, cattiveria agonistica, sanno giocare bene al calcio e non a caso sono primi in classifica nella Liga. In Europa e’ difficile affrontare certe gare, giochi al giovedi’ e dopo tre giorni devi tornare in campo. Ma noi ci siamo complicati la vita e ora sappiamo che dobbiamo fare di piu’ anche nella prima mezz’ora, dobbiamo palleggiare in maniera piu’ veloce e poi trovare le soluzioni migliori per i nostri attaccanti. Con Osimhen non ci stanno dando profondita’, dobbiamo trovare qualcosa di diverso”. L’attaccante nigeriano domani potrebbe essere nuovamente al centro dell’attacco con il tridente alle spalle Politano-Mertens-Insigne, ma Gattuso pensa anche a Petagna titolare oppure a un ritorno al 433 con Mertens al centro dell’attacco. Tante opportunita’ per una squadra che Gattuso vede completa: “Abbiamo il dovere – dice – di giocare al massimo tutte le competizioni, perche’ abbiamo 23 giocatori di una buonissima rosa, e serve grande serieta’ in ogni gara. Cambi? Noi abbiamo tutti gli strumenti per valutare la condizione fisica, in questi dieci giorni abbiamo speso tanto, scenderanno in campo quelli che sono al 100%, cambieremo qualcosa ma saremo al top. In sette-otto mesi il calcio e’ cambiato, non esistono titolari e riserve, con cinque cambi si puo’ giocare anche 25-30 minuti ed essere decisivi, per noi e’ anche un valore aggiunto perche’ abbiamo giocatori che ci possono far vincere nell’ultima mezz’ora. Per questo non voglio vedere facce arrabbiate da chi non parte dal 1′”. Partira’ titolare Fabian Ruiz che spiega: “Napoli e Real sono due squadre che amano giocare al calcio – dice – loro stanno andando molto bene nella Liga e in Europa, domani sara’ una partita difficile tra due squadre simili, speriamo di vincerla noi. In questo nuovo modulo mi sento molto bene, Bakayoko e’ piu’ difensivo e io ho piu’ liberta’ per andare in avanti, quindi meglio per me”. La Real Sociedad arriva al match, che si giochera’ a porte chiuse, da una striscia di 4 successi di fila tra Liga ed Europa League, e il primo posto in classifica in Spagna. Dopo la vittoria sul Rijeka, punta al secondo successo per avere la strada qualificazione spianata. “Sara’ una gara veloce – spiega il tecnico dei baschi Alguacil – il Napoli ha ritmo, ma anche noi, a entrambe piace avere il possesso palla, sara’ una gara equilibrata. Noi abbiamo fiducia e siamo in un ottimo momento. Io sono un fan del Napoli, sono stato anche li’ per vedere una del Napoli di Sarri. Hanno una rosa di grandi giocatori e sono un seria candidata allo scudetto, una squadra da Champions League”.

 

Continua a leggere
Pubblicità

DALLA HOME

Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette