______________________________

Sulle note di “Giocondità”, l’Orchestra sinfonica dei Quartieri Spagnoli, diretta dal Maestro Giuseppe Mallozzi, ha dato inizio al 166° Anniversario della Fondazione della Polizia di Stato.Nello storico castello medievale del Maschio Angioino, meta turistica per eccellenza e simbolo della città partenopea, il Questore di Antonio De Iesu ha accolto le massime Autorità Civili, Militari e Religiose, nonché le varie rappresentanze delle Associazioni.Molte le scolaresche presenti quest’anno: Istituto Comprensivo 83 Porchiano-Bordiga di Ponticelli, Istituto Comprensivo Baracca Vittorio Emanuele, di Piazza S. Maria degli Angeli a Pizzofalcone, scuola elementare “De Amicis” di Via S. Teresa a Chiaia, Istituto Comprensivo 58° Kennedy del quartiere Scampia, oltre all’Istituto Statale d’Istruzione Superiore Alberghiero d’Este-Caracciolo che ha deliziato i partecipanti con la preparazione di un ricco buffet.Per l’occasione la Pasticceria Poppella del Rione Sanità ha preparato una torta in tema.Fortemente voluta la partecipazione della famiglia di Franco Della Corte, barbaramente ucciso il 3 marzo scorso, così come è intervenuta la famiglia di Arturo, il 17enne ferito a coltellate il 18 dicembre 2017 mentre era in Via Foria e la famiglia di Gaetano, il 15enne ferito il 12 gennaio scorso, nei pressi della Metropolitana di Chiaiano, per mano di un branco di minori.

Molto toccante l’esibizione dell’orchestra sinfonica dei Quartieri Spagnoli quando ha intonato O’ Sole Mio, canzone simbolo di che ha fatto il giro del mondo.Schierati 3 plotoni della Polizia di Stato: quello della Questura, delle specialità e del Reparto Mobile.La cerimonia si è conclusa con il passaggio dell’Elicottero del VI Reparto Volo sulle note dell’Inno Nazionale.Subito dopo, c’è stata l’esibizione della sezione giovanile di Judo coordinata dal campione italiano Pino Maddaloni, Assistente Capo della Polizia di Stato, già Medaglia d’Oro alle Olimpiadi di Sidney nel 2000.Presenti molti stand: quello della polizia Scientifica, delle Fiamme oro, del Reparto Volo, della Polizia Stradale, della Polizia Ferroviaria, della Polizia Postale, della Squadra Nautica dei Sommozzatori, della Sezione Artificieri, della sezione Cinofili e del Reparto a Cavallo.Nel corso della manifestazione sono stati premiati 50 uomini e donne della Polizia di Stato, che si sono distinti in varie operazioni di Polizia ed a cui il Questore ha manifestato il suo vivo apprezzamento per il lavoro svolto quotidianamente. 

“A voi tutti il mio più cordiale saluto unitamente a quello delle donne e degli uomini della Polizia di Stato che operano in questa città metropolitana nonché un caloroso ringraziamento per la gradita partecipazione alla rituale celebrazione del 166° Anniversario della Fondazione della nostra gloriosa Istituzione, che intendiamo vivere con sobrietà ed autentico sentimento di appartenenza. Lo facciamo, e ne siamo orgogliosi ,in un luogo simbolo di questa città: CASTEL NUOVO, imponente fortezza Angioina eretta nel 13° secolo per ovviare alla mancanza di un vero castello che facesse da guardia alla città, calzante metafora della incessante attività della Polizia di Stato che, unitamente all’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza con il prezioso contributo della Polizia Municipale, costituisce un solido , efficace argine a preoccupanti e pervasive forme di criminalità organizzata e predatoria che comprimono la percezione di sicurezza delle comunità locali – proiettate sempre più nella intensa opera di valorizzazione delle preziose risorse socio culturali, turistico-monumentali e produttive del territorio – nel segno del motto prescelto “ESSERCI SEMPRE” che costituisce per noi , nella sua semplicità , il senso dell’azione e la priorità dell’impegno che ci assumiamo : GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA COLLETTIVITA’ e contribuire al miglioramento della qualità di vita delle città . Per raggiungere tale sostenibile obiettivo la STRADA MAESTRA è rappresentata dal sinergico Lavoro di squadra istituzionale , dalla capacità di ascolto del territorio attraverso il costante rapporto con enti locali , municipalità ed associazioni di categorie produttive nonché valorizzazione del nostro capitale umano in termini di investimento in percorsi formativi , attenzione alle condizioni di lavoro del personale e leve etico – motivazionali. Ecco perché, senza visioni autoreferenziali e suggestioni celebrative ,desidero porre in evidenza il grande valore aggiunto del sistema Sicurezza nel territorio partenopeo : la straordinaria intesa istituzionale ed operativa che mi lega ai vertici dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza , cari amici ed eccellenti professionisti , che sotto l’illuminata azione di coordinamento del Sig. Prefetto ci consente , in sede ci Comitato per l’ordine e sicurezza pubblica , di affrontare efficacemente delicate problematiche di sicurezza dei territori in una cornice di convinta sinergia con i sindaci di e della città metropolitana tali da dare risposte sostenibili e performanti in una ottica di valorizzazione della sicurezza integrata con il prezioso sostegno della Polizia municipale. Nella qualità di Autorità provinciale di Pubblica sicurezza che condivido , in pienezza di intenti, con il Sig. Prefetto e con la efficace collaborazione delle altre Forze di Polizia , abbiamo governato al meglio le innumerevoli problematiche di Ordine pubblico connesse a tensioni socio – occupazionali , attività di movimenti antagonisti , manifestazioni sportive pianificando , sulla base di una capillare azione informativa della Digos , commissariati di P.S. e compagnie Carabinieri , innumerevoli servizi di O.P con il prezioso impiego di 30.000 uomini del Reparto Mobile , ove hanno prevalso mediazione , rispetto della dignità umana e legittimo diritto di manifestare con limitato ricorso alla forza solo in presenza di rilevanti turbative . Ma il punto dolente è rappresentato dalla asfissiante cappa di criminalità organizzata e predatoria che opprime la nostra splendida città e l’area metropolitana condizionandone il corretto sviluppo turistico , sociale e culturale. L’operatività di più gruppi criminali in competizione fra loro, per il governo del territorio ed il controllo delle attività economiche illecite, rende possibili imprevedibili alleanze tra clan, patti di non belligeranza, coesistenza all’interno di uno stesso territorio di gruppi criminali diversi, con una frammentazione funzionale del territorio. Ne consegue un equilibrio precario, con le leadership dei diversi clan spesso in conflitto, quasi perenne, per l’acquisizione della totale egemonia sul territorio d’influenza con convulse dinamiche antagoniste . Rimane comunque, come dato costante, che il Sistema della Camorra, nella sua complessità e poliedricità, resta un fenomeno capace negli anni di creare veri e propri cartelli imprenditoriali, in grado di impossessarsi di indotti industriali di notevole portata fino al punto di arrivare ad influenzare ampi settori dell’economia locale e nazionale. La risposta investigativa della Polizia di Stato, insieme a Carabinieri e Guardia di Finanza , è stata straordinariamente efficace grazie alla eccellente azione di coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia e delle Procure della città metropolitana a cui rivolgo un sincero apprezzamento per la vicinanza ed il sostegno che non hanno mai fatto mancare alle nostre strutture investigative. Numerose sono state le operazioni di Polizia giudiziaria che hanno portato all’arresto di 120 pericolosi esponenti della criminalità organizzata su ordinanze di custodia cautelare richieste dalla DDA ed operati dalla Squadra mobile in esito a lunghe ed articolate indagini – il sincero apprezzamento va a quegli eccellenti investigatori – per associazione mafiosa , omicidi ed estorsione e che unitamente al tenace lavoro investigativo dei commissariati e delle altre Forze di Polizia , hanno permesso di ridimensionare la capacità operativa di clan storici dei quartieri pianura , ponticelli , sanità , forcella , scampia , giugliano ed afragola emblematicamente riscontrato nel dato statistico : meno 40 % di omicidi e meno 70% di tentati omicidi di stampo mafioso. Risultati pur significativi che lungi dall’indulgere in visioni ottimistiche impongono l’esigenza di intensificare l’attività investigativa per consolidare l’azione di destrutturazione dei clan camorristici dominanti , ridimensionarne la loro operatività e contrastare la insidiosa penetrazione illecita nel tessuto economico e produttivo di questo territorio attraverso mirate e specialistiche indagini di carattere patrimoniale cogliendo le rilevanti opportunità che il codice antimafia offre; questa strategia si attua attraverso la rafforzata specializzazione degli operatori di polizia dedicati a tale settore e l’ottimizzazione dei flussi informativi tra gli uffici che rappresenta una priorità per il Dipartimento di Pubblica Sicurezza A tal riguardo avverto l’esigenza di rivolgere un sincero apprezzamento al personale della Divisione anticrimine che in piena sintonia con il Tribunale Misure di Prevenzione , sta ottimizzando le metodologie di analisi ed investigazione cosi come forte impegno , tale ufficio , sta profondendo nel campo della prevenzione dei fenomeni di violenza di genere e quella domestica applicando la normativa in materia di atti persecutori , specializzando personale qualificato e partecipando a numerose iniziative di sensibilizzazione nelle scuole : 26 sono stati gli ammonimenti orali irrogati . Altro fronte sensibile è rappresentato dalla criminalità diffusa e predatoria che incide fortemente sulla percezione di sicurezza dei cittadini e che ha imposto una sostenibile e razionale intensificazione dei servizi di controllo del territorio coordinati con l’Arma dei Carabinieri e con il fattivo contributo della Polizia Municipale al fine di contrastarne la pervasività sulla base di una analisi ponderata dell’andamento criminoso in chiave previsionale . Pur se le statistiche non mi appassionano nondimeno è da rilevare che l’indice delle rapine registra un calo del 15% e dei furti del 5% , ma il numero dei reati predatori è sempre elevato ed è per questo che l’attività di controllo del territorio al pari del contrasto alla criminalità organizzata , rappresenta una priorità su cui non molleremo razionalizzando e potenziando le unità operative ,anche attraverso l’implementazione dei sistemi di videosorveglianza – di recente l’installazione di telecamere a cura della Regione nel quartiere Sanità – , prezioso supporto alle attività di prevenzione ed a quelle investigative. L’attività di contrasto alla criminalità si completa nei seguenti dati statistici: – 2.127 soggetti arrestati – 10.024 denunziati a piede libero – 377.000 persone controllate – 176.000 i veicoli controllati – 439 Kg di droga sequestrata Preoccupante ed attuale il fenomeno della devianza giovanile che ha fatto registrare negli ultimi mesi una inquietante recrudescenza di gravi eventi di sangue consumati da giovani minorenni e su cui la Polizia di Stato, unitamente all’Arma dei Carabinieri ha dato risposte investigative nette tempestive ed efficaci: si parte dall’arresto di un giovane criminale di San Giovanni che nel contesto della movida di Chiaia aveva esploso numerosi colpi di arma da fuoco nei confronti dei suoi coetanei alcuni dei quali rimasti feriti per proseguire nell’attività investigativa connessa all’accoltellamento del giovane Arturo che ha visto assicurati alla giustizia minorile i quattro autori, tutti minorenni, del grave evento. Sono stati altresì assicurati alla giustizia i nove componenti del branco di minorenni che all’uscita della stazione metropolitana di Piscinola, hanno selvaggiamente picchiato tre loro coetanei di cui uno, Gaetano ha perso la milza. Ma l’evento criminale più efferato è stato quello della uccisione, a scopo di rapina della Guardia Giurata Francesco Della Corte – uomo perbene e lavoratore instancabile -, che solo grazie alla tenacia investigativa degli uomini del Commissariato di Scampia, ha trovato soluzione con l’arresto di tre minorenni che con crudele violenza lo hanno colpito a morte (un sentimento affettuoso di vicinanza va alla sua famiglia che ci onora della sua presenza nonché alle madri di Arturo e Gaetano) . Tali risultati sono stati possibili grazie all’eccellente coordinamento della Procura dei Minori con cui si è consolidato un rapporto di efficace sintonia investigativa. Di pari passo è stata intensificata l’attività di controllo del territorio mirata a tale fenomeno secondo le direttive del Ministro dell’Interno che grazie all’aggregazione di risorse aggiuntive dei Reparti Prevenzione Crimine ha permesso di controllare 4.100 minorenni, arrestarne 15 , denunziarne 31 all’Autorità Giudiziaria e sequestrare 25 coltelli e 2 pistole nonchè sequestrare 158 motoveicoli. Particolare impegno è stato rivolto alla gestione dei flussi migratori, in un contesto di mutevolezza del panorama geo-politico del nord Africa che vede la Polizia di Stato impegnata in prima linea nelle procedure di prima identificazione, accoglienza e regolarizzazione dei cittadini extracomunitari , che è stato possibile gestire con efficace professionalità grazie al prezioso lavoro del personale dell’Ufficio Immigrazione e dei Commissariati di P.S. nel rispetto della dignità umana cittadini stranieri ; a tal riguardo emblematici sono alcuni dati: – 51.000 i permessi di soggiorno rilasciati – 3.745 le richieste di asilo politico trattate – 330 extracomunitari espulsi Così come prezioso è il lavoro del personale della Divisione Amministrativa e Sociale che ha rilasciato 55.000 passaporti, 4.968 porto d’armi per uso caccia o sportivo ed operato 428 controlli amministrativi. Un sincero riconoscimento al personale della Divisione Personale e dell’Ufficio Tecnico Logistico per l’apprezzabile impegno nell’esercitare i propri compiti istituzionali, strumentali alla funzionalità della Questura . Ma la Polizia di Stato non è solo questo! Sono qui rappresentate tutte le componenti specialistiche della nostra Istituzione che contribuiscono ad integrare il sistema sicurezza del nostro Paese ed a cui rivolgo il mio sincero apprezzamento per il loro efficace lavoro: alle Specialità della Polizia Stradale della Polizia Ferroviaria per il prezioso impegno nel garantire adeguate condizioni di sicurezza sulle tratte autostradali, stradali e ferroviarie ; Alla Polizia Postale punta di diamante nelle strategie investigative in materia di reati informatici e nelle campagne di sensibilizzazione dei giovani sulle insidie del web; Alla Polizia di Frontiera aerea e marittima che svolge una essenziale missione di controllo alle frontiere ; Al Reparto Prevenzione Crimine che assicura un prezioso sostegno operativo ai servizi di controllo del territorio ; Al Reparto Mobile che con professionalità tecnico – operativa ha garantito un essenziale contributo operativo nella gestione dell’Ordine pubblico ; Il Reparto Volo che ha assicurato un efficace contributo specialistico nei servizi istituzionali della Polizia di Stato. Al Gabinetto Interregionale di Polizia Scientifica, che avvalendosi di personale altamente specializzato, ha assicurato sempre e su tutte le scene del crimine e nei servizi di O.P., il fondamentale supporto tecnico. A tal riguardo mi piace evidenziare che il Ministro dell’Interno il 4 aprile ha conferito la medaglia d’oro al merito civile alle donne e agli uomini della Polizia Scientifica per la loro altissima professionalità Un sincero apprezzamento per il delicato lavoro del personale delle Volanti, Cinofili, Tiratori Scelti, Artificieri, Squadre Ippomontata e nautica per il costante impegno nei servizi di istituto. A conclusione di questo sobrio momento celebrativo, a nome della Polizia di Stato , desidero rivolgere un cordiale e sentito ringraziamento alle Autorità civili, militari e religiose presenti che ci sono sempre vicine nell’impegnativa attività istituzionale. A Sua Eccellenza reverendissima Cardinale SEPE per la paterna e illuminata vicinanza alla Polizia di Stato . Al Sig. Prefetto di per la saggezza e l’equilibrio con cui amministra le delicate funzioni istituzionali anche in materia di coordinamento delle Forze di Polizia; Al Signor Sindaco di e della città metropolitana , che ringrazio sinceramente per la sua vicinanza e per averci permesso di celebrare il nostro anniversario in questo monumentale castello; Ai Vertici dell’Ordine Giudiziario un sincero riconoscimento per la illuminata funzione di indirizzo e coordinamento dei nostri organismi di Polizia Giudiziaria; Al Generale Tomasone ed al Generale Ricozzi , Ufficiali di altissimo profilo , a cui mi lega un rapporto di affettuosa amicizia ; Al Comandante Forze operative Sud Esercito e al Comandante logistico Marina Militare , per la loro gradita presenza; Ai Comandanti Regionali dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e dei Vigli del Fuoco un caro saluto per la cordiale vicinanza alla nostra Istituzione; Ai Comandanti Provinciali dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e dei Vigili del Fuoco rinnovo sentimenti di sincera stima ed amicizia e con i quali condivido, in perfetta unità d’intenti, il duttile approccio alle problematiche di questo territorio .; AL Capo centro DIA per la preziosa opera di contrasto alla criminalità organizzata ; Sinceri saluti alle organizzazioni sindacali della Polizia di Stato e dell’Amministrazione Civile dell’Interno per l’equilibrata e fattiva funzione di stimolo a tutela dei diritti e del benessere del personale; Un caloroso saluto ai rappresentanti degli organi d’informazione per la costante vicinanza alla Polizia di Stato in materia di comunicazione degli eventi che caratterizzano la realtà partenopea; Un cordiale ed affettuoso saluto all’Associazione Nazionale della Polizia di Stato ed ai nostri pensionati, che mi sono particolarmente cari; A Voi, donne e uomini della Polizia di Stato , al caro Nicola Barbato , gravemente ferito in una azione operativa , veri protagonisti di questa cerimonia , va il mio affettuoso e sincero ringraziamento rivolto anche ai vostri familiari che condividono silenziosamente ansie e sacrifici ; . Ma permettetemi di rivolgere un commosso ricordo ai Nostri Caduti, che hanno sacrificato la propria vita nell’adempimento del dovere .

LA VOSTRA MEMORIA SARA’ SEMPRE VIVA NEI NOSTRI CUORI! VIVA LA REPUBBLICA ITALIANA, VIVA LA POLIZIA DI STATO

 



Cronache Tv




Ti potrebbe interessare..