benevento sequestrato caseificio

Nel corso di controlli per contrastare l’uccellagione, il bracconaggio e la detenzione illegale di uccelli appartenenti a specie protette, i Carabinieri della Stazione Forestale di Marigliano, allertati da personale dell’Ente Nazionale Protezione Animali, sono intervenuti ad Acerra. In un terreno in località Ponte dei Cani è stata rinvenuta una rete per uccellagione ancorata a paletti di legno, un richiamo acustico elettromagnetico, otto in gabbia e un cardellino con le zampe legate da un filo, che veniva utilizzato come richiamo vivo. Identificato e denunciato un 50enne già noto alle forze dell’ordine ritenuto responsabile di vari reati; la pratica di catturare uccelli selvatici con reti e trappole è vietata dalla legge sulla caccia; il cardellino utilizzato come richiamo vivo era con le zampe unite da un filo che lo ancorava a un ramoscello in modo che potesse brevemente volare per poi cadere, una pratica usata per attirare i suoi simili che seguendolo restano intrappolati nella rete. Verosimilmente i sarebbero stati messi in vendita sul mercato nero a somme intorno ai 100 euro a esemplare.



Pubblicità'

Detenuto minorenne portava droga in carcere al rientro: scoperto dagli agenti

Notizia Precedente

Frattamaggiore, carabinieri arrestano un 34enne in possesso di hashish

Prossima Notizia