Pozzuoli, rissa in consiglio comunale per la delibera sugli sfollati

SULLO STESSO ARGOMENTO

Proteste e rissa durante il Consiglio comunale di Pozzuoli dopo l’approvazione di una delibera che stanzia 250mila euro a favore di 43 famiglie di sfollati “per amianto” le quali, invece, chiedevano un alloggio definitivo. Le famiglie, dal 1984, abitano nelle vecchie casette del post bradisismo, ormai insicure; la somma stanziata dal Comune avrebbe consentito loro di ottenere solo una sistemazione temporanea. Durante la colluttazione, contenuta a fatica dalle forze dell’ordine, due agenti sono stati trascinati a terra. Il provvedimento – passato con solo 14 voti, con la maggioranza del sindaco Figliolia sostenuta da due componenti l’opposizione – e’ stato duramente contestato anche prima dell’approvazione. Un gruppo di donne, infatti, ha invaso l’emiciclo che ospita consiglieri e assessori, determinando la sospensione del dibattito. Grazie all’intervento delle forze di polizia il confronto e’ poi ripreso e dopo circa un’ora si e’ giunti all’approvazione che ha innescato la reazione di una trentina di persone, tutte contrarie alla soluzione prospettata dal provvedimento. Alle votazioni sono risultati assenti otto consiglieri della coalizione di maggioranza di centrosinistra. M5S e una lista di sinistra sono usciti dall’aula al momento del voto. Le proteste sono continuate anche dopo la chiusura dei lavori.




LEGGI ANCHE

Camorra a Caivano, il clan Ciccarelli contro i pentiti: “…Guappi di cartone”

Salvatore Ciccarelli fratello del boss su tik tok si scaglia contro Pasquale Cristiano e Mariano Alberto Vasapollo

Sparatoria in strada a Scafati, obiettivo il pregiudicato Marcello Adini

Il 43enne Marcello Adini è uscito dal carcere solo tre giorni fa dopo che era stato assolto per l'omicidio di Armando Faucitano

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE