Giugliano, pizzo alle trans brasiliane per ‘lavorare in tranquillità’: in manette 3 aguzzini

SULLO STESSO ARGOMENTO

Giugliano. “Se vuoi lavorare in strada ci devi pagare. Altrimenti ti rompiamo la testa”, questa la minaccia rivolta a una trans brasiliana che si prostituiva insieme con altre quattro colleghe nella zona di Varcaturo, Ischitella e Castel Volturno. Il pizzo settimanale per lavorare tranquille per tutte era di cento euro a settimana. La storia stava andando avanti oramai da circa due anni. Una di loro però dopo essere stata brutalmente picchiata dall’estorsore ha trovato il coraggio e la forza di denunciare tutto. E così su disposizione della Procura di Napoli Nord sono scattate le manette per i il gruppo del pizzo alle trans. Si tratta di Vincenzo Alifante, 35 anni, e suo fratello Luigi, 26 anni, di Giugliano, e Domenico Di Maro, 30 anni di Quarto. I tre già erano stati arrestati la scorsa estate e posti agli arresti domiciliari. Ma nonostante ciò continuavano a pretendere il pizzo dalle trans che per  qualche mese non pagarono poi una di essere fu portata con la forza a casa di Domenico Di Maro e picchiata selvaggiamente. Dal mese scorso poi i tre hanno finito di scontare gli arresti domiciliari e sono tornate alla carica in maniera ancora più prepotente. Ma questa volta tutte e cinque le trans si sono presentate in caserma a denunciare e per i tre sono scattati gli arresti in carcere.

 

 






LEGGI ANCHE

Oroscopo di oggi 23 febbraio 2024

Oroscopo di oggi 23 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno Ariete: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e determinato. Approfitta di questa carica...

Camorra, sequestro beni allo sponsor della Casertana calcio

Sequestro beni per oltre 1,5 milioni di euro a imprenditore ritenuto contiguo al clan Belforte dei Marcianise. E tra i beni sequestrati c'è anche...

Napoli, chiede scusa in aula e vuole risarcire il motociclista che investì e uccise Elvira Zibra sul Lungomare

Processo al motociclista napoletano Gianluca Sivo accusato di omicidio colposo per la morte di Elvira Zibra, investita mentre era in sella alla sua moto...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE