Camorra: malore per Setola, ex boss dei Casalesi ricoverato in ospedale

SULLO STESSO ARGOMENTO

Problemi di salute per il boss dei Casalesi, Giuseppe Setola, detenuto al carcere di massima sicurezza di Tolmezzo in provincia di Udine, che secondo quanto riferito dal suo avvocato Paolo Di Furia, sarebbe stato ricoverato in ospedale. Setola da tempo lamentava problemi di salute, ma non connessi a quelli noti all’occhio, per i quali e’ finito sotto processo con l’oculista di Pavia Aldo Fronterre’. Del precario stato di salute dell’ex capo dell’ala stragista del clan, condannato a vari ergastoli per numerosi omicidi, tra cui la strage dei ghanesi a Castel Volturno, si e’ saputo ieri nel processo in corso nel Tribunale di Santa Maria Capua Vetere dov’e’ imputato il fratello di Setola per intestazione fittizia di beni. Ovviamente non e’ stato reso noto l’ospedale in cui e’ attualmente curato. Di certo si tratta di una situazione delicata, visto che nel processo in cui Setola e’ imputato con Fronterre’, la Dda ipotizza che l’oculista avrebbe presentato tra la fine 2006 e l’inizio del 2007 false attestazioni mediche. Fronterre’ diagnostico’ al boss una malattia all’occhio destro, un foro maculare, di cui Setola non avrebbe mai sofferto, mentre invece il camorrista soffriva effettivamente di disturbi all’occhio sinistro per un trauma subito in gioventu’. La consulenza medica, e’ emerso, convinse la Corte d’Assise di Santa Maria Capua Vetere a concedere a Setola, il 18 gennaio 2008, gli arresti domiciliari in un’abitazione nei pressi della clinica Maugeri di Pavia, dove lavorava Fronterre’ e dove il killer si sarebbe dovuto curare; il 18 aprile dello stesso anno, pero’, Setola evase dalla clinica dando inizio alla stagione del terrore nel Casertano con 18 morti. Lo stesso pm Alessandro Milita, nel corso della requisitoria iniziata il 29 gennaio scorso (terminera’ ad aprile), oltre a usare parole durissime contro Fronterre’ (“e’ mostruoso – disse – quello che l’oculista ha fatto per Setola, ndr), evidenzio’ come un’eventuale condanna del boss avrebbe impedito ad altri professionisti di usare la cartella clinica di Setola per provare a farlo uscire dal carcere, e affermo’ che da ora “avvocati e medici staranno molto attenti con la salute di Setola per non incorrere in gravi reati”.







LEGGI ANCHE

Giugliano, tocca un cavo scoperto: giovane rom di 21 anni muore folgorato

Un giovane di 21 anni residente nel campo rom di Scampia è morto folgorato, dopo essere stato trasportato senza vita al pronto soccorso dell'ospedale San Giuliano di Giugliano dai suoi amici. Nonostante i tentativi di rianimazione da parte del personale medico, purtroppo non c'è stato nulla da fare. Gli agenti del commissariato di polizia di Giugliano sono intervenuti presso il nosocomio di via Basile e un'indagine sarà aperta per fare luce sulla vicenda. Al momento non...

Oroscopo di oggi 24 febbraio 2024

Oroscopo di oggi 24 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno Ariete: oggi potresti sentirti particolarmente energico e determinato a raggiungere i tuoi obiettivi. È il momento ideale per mettere in pratica le tue idee e per concentrarti sulle tue passioni. Toro: potresti sentirti un po' confuso riguardo alle tue priorità e ai tuoi obiettivi. È importante prenderti del tempo per riflettere e per capire cosa è veramente importante per te. Gemelli: oggi potresti essere...

Traffico illegale di rifiuti tra Campania e Tunisia: scattano gli arresti

Un'operazione coordinata dalla Procura di Potenza ha portato alla scoperta di un traffico illegale di rifiuti speciali tra Campania e Tunisia. Circa 80 militari del gruppo Carabinieri per la tutela ambientale e la sicurezza energetica di Napoli, insieme al personale della Dia-Direzione investigativa antimafia, stanno attuando misure cautelari personali e patrimoniali nelle province di Napoli, Salerno, Potenza e Catanzaro. .

Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE