“In base alle evidenze dell’esame autoptico effettuato in data 6 marzo 2018 sul cadavere Davide Giacomo, in riferimento alla causa morte, la si può indicare come causa morte cardiaca, senza evidenze macroscopiche, verosimilmente su base bradiaritmica, con spiccata congestione poliviscerale ed edema polmonare. Per la diagnosi definitiva, sono necessari approfonditi esami istologici”. È questo l’esito dell’autopsia eseguita sul corpo di Davide Astori, capitano della morto nella notte tra sabato e domenica a Udine: lo ha comunicato il procuratore capo di Udine Antonio De Nicolo ai microfoni de “La vita in diretta”. Il cuore dell’ex difensore di Cagliari e Roma, avrebbe rallentato il battito fino a fermarsi. “Dalle prime rilevazioni non sembrerebbe trattarsi di cause esterne diverse da quelle di una morte naturale – ha spiegato De Nicolo -, però prudenzialmente i nostri consulenti dicono che dovranno attendere l’esito degli esami istologici per pronunciarsi definitivamente. Hanno chiesto 60 giorni di tempo per depositare il loro elaborato. E da quel momento avremo un quadro completo”.


Avellino, autista eroe salva i passeggeri del bus di linea in fiamme

Notizia precedente

Traffico di droga a Casavatore: 20 anni di carcere per il boss Ferone

Notizia Successiva


Ti potrebbe interessare..


Commenti

I Commenti sono chiusi