Donna scomparsa da Arezzo, le tracce portano a Napoli. Sentiti alcuni testimoni in Campania

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Susy Paci, la donna scomparsa dalla provincia di Arezzo il 23 gennaio scorso ha raggiunto Napoli e forse da lì Salerno. Proseguono le indagini sulla sparizione della donna aretina di 49 anni, casalinga che in passato ha gestito un negozio di borse.  Secondo quanto riscontrato dalla squadra mobile di Arezzo, la donna ha effettivamente preso un treno e raggiunto Napoli. Le verifiche della polizia, dopo la denuncia del marito e degli anziani genitori, hanno appurato che Susy Paci è arrivata nel capoluogo campano dove potrebbe aver incontrato qualcuno conosciuto in chat. Appassionata di social network, sposata e madre di due figli, la 49enne non ha più utilizzato nè i social nè la carta di credito negli ultimi 13 giorni facendo registrare un calo drastico e improvviso della sua attività online, intensissima fino al 22 gennaio e sotto l’esame della polizia postale di Arezzo. Proprio da questa sua attività sui social gli investigatori della polizia, coordinati dal pm Elisabetta Iannelli, sono partiti con le indagini. Pare che un uomo di Napoli è stato anche interrogato dalla Polizia. Si seguono tracce che localizzerebbero la donna a Salerno. Preoccupa il silenzio e il messaggio inviato al figlio che annunciava un ritorno mai avvenuto. La donna ha 1300 amici su facebook, seguita da ottocento persone. Gli inquirenti vagliano le frequentazioni virtuali più strette e in Campania hanno sentito alcuni testimoni.







LEGGI ANCHE

Traffico illecito di rifiuti: arrestati funzionario della Regione Campania e 14 imprenditori

C'è anche un funzionario della Regione Campania tra i 16 arrestati nell'inchiesta congiunta di Dia e Noe sul traffico illecito di rifiuti tra Campania e Tunisia. Le indagini sono partite da Polla, in provincia di Salerno, per poi coinvolgere i vertici della Regione Campania. Oltre ai funzionari coinvolti, diversi imprenditori del settore rifiuti sono stati posti in stato di fermo. Sono stati sequestrati beni di almeno tre aziende attive nello stoccaggio di rifiuti. L'indagine ha preso...

Giugliano, tocca un cavo scoperto: giovane rom di 21 anni muore folgorato

Un giovane di 21 anni residente nel campo rom di Scampia è morto folgorato, dopo essere stato trasportato senza vita al pronto soccorso dell'ospedale San Giuliano di Giugliano dai suoi amici. Nonostante i tentativi di rianimazione da parte del personale medico, purtroppo non c'è stato nulla da fare. Gli agenti del commissariato di polizia di Giugliano sono intervenuti presso il nosocomio di via Basile e un'indagine sarà aperta per fare luce sulla vicenda. Al momento non...

Torre del Greco, sequestro beni a revisore contabile: omessa dichiarazione

Nel contesto di un'operazione condotta dal Gruppo della Guardia di Finanza di Torre Annunziata, è stato eseguito un sequestro preventivo di 333.421,03 euro nei confronti di un revisore contabile con studio a Torre del Greco. L'azione è stata autorizzata dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Torre Annunziata su richiesta della Procura della Repubblica. Le accuse a carico del revisore contabile includono dichiarazioni infedeli e omissioni di dichiarazione. L'indagine condotta dalla Compagnia della Guardia...

Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE