Rapinava smartphone a ragazzini, casertano estradato dalla Germania

SULLO STESSO ARGOMENTO

Caserta. Rapinava smartphone a ragazzini: è stato estradato dalla Germania. I carabinieri della Stazione di Orta di Atella, nel Casertano, in collaborazione con personale della polizia di frontiera dell’aeroporto di Roma Fiumicino, hanno dato esecuzione all’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere con il beneficio dei domiciliari emessa dal gip del tribunale di Napoli Nord nei confronti di Nicola Basciano, 26 anni, ritenuto responsabile, in concorso con il coetaneo Antonio Auletta arrestato il 14 giugno 2017, di circa 21 rapine compiute nelle province di Caserta e Napoli ai danni di ragazzi di eta’ compresa tra i 10 e i 16 anni, da gennaio a marzo dello scorso anno. Basciano, minacciandole con un coltello, costringeva le giovani vittime a consegnargli il telefono cellulare, per poi dileguarsi a bordo di una bicicletta con il complice. L’uomo era emigrato in Germania, dove è stato rintracciato dalla polizia tedesca in esecuzione di un Mandato di arresto europeo ed estradato.






LEGGI ANCHE

“Giustizia per Fulvio”: la madre e l’Università di Napoli chiedono verità

"Giustizia per Fulvio" è il grido che unisce la madre di Fulvio Filace, Rosaria Corsaro, e l'Università Federico II di Napoli, dove il giovane...

Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

Il Commissario Straordinario visita l’Istituto Comprensivo “Cilea – Mameli” di Caivano

Il giorno precedente, il prefetto Filippo Dispenza, coordinatore della Commissione Straordinaria al Comune di Caivano, ha visitato l'Istituto Comprensivo "Cilea - Mameli" di Caivano,...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE