Caserta, pestarono a sangue un giovane: chiesti 32 anni di carcere per i 4 imputati

SULLO STESSO ARGOMENTO

Caserta. Ridussero un ragazzo in fin di vita un giovane che aveva difeso la sua fidanzata: il pm chiede 8 anni carcere Cinque anni fa pestarono davanti alla Reggia di Caserta, uno studente universitario che aveva difeso la sua ragazza da pesanti apprezzamenti. Oggi per ognuno dei quattro responsabili, Andrea Mastroianni, Marco Mazzeo, Yuri Petrillo e Marco Oliviero, tutti residenti a Reale, comune confinante con Caserta, il pm della Procura della repubblica di Santa Maria Capua Vetere, Gennaro Damiano, ha chiesto otto anni di carcere. La vittima, che si è costituita con i suoi familiari parte civile nel processo ed è assistita dagli avvocati Raffaele e Gaetano Crisileo, riportò lo spappolamento della milza. Dal dibattimento è emerso come il giovane studente fu salvato solo grazie al tempestivo intervento della polizia e alle continue trasfusioni di sangue effettuate presso l’ospedale civile di Caserta, dove fu ricoverato e operato. A scatenare la furia dei quattro ragazzi fu il tentativo della vittima di proteggere la fidanzata, cui gli imputati avevano rivolto frasi pesanti. I quattro oggi erano presenti in aula, la vittima non c’era.






LEGGI ANCHE

Arrestati due funzionari del porto di Gioia Tauro: facevano entrare la droga dal Sud America

I Finanzieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno eseguito un provvedimento che dispone la custodia cautelare in carcere nei confronti di due funzionari...

Geolier alla Federico II, il rettore: ‘Non ci interessano le polemiche’

Il rettore Matteo Lorito precisa: "Non lo abbiamo invitato per dargli un premio o per fargli tenere una lezione ma per confrontarsi con tanti...

Truffa donna di 89 anni a Roma: arrestato 57enne di Napoli

Un uomo di 57 anni della provincia di Napoli è stato arrestato per il reato di estorsione aggravata ai danni di una donna anziana...

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE