Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cava de Tirreni

Il giallo di Cava, uccide la moglie e tenta il suicidio: è grave

Pubblicità'

Pubblicato

il

Cava


Pubblicità'

Cava de Tirreni, forse si tratta di un omicidio e un tentato suicidio. E’ questa l’ipotesi principale sulla quale i carabinieri della tenenza di Cava de Tirreni, che stanno conducendo le indagini, stanno lavorando per dare una spiegazione alla tragedia che si è consumata stamane in località Sant’Anna. Da una prima ricostruzione dei carabinieri sembra che la coppia, abbia iniziato a litigare nella propria abitazione a Sant’Anna e si siano accoltellati: Nunzia Maiorano, 41 anni, è morta mentre il marito Salvatore Siani, di 48 anni e  che gestisce un negozio di moda capelli donna a Salerno, è stato trasportato, in gravissime condizioni, all’ospedale cittadino. L’uomo è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico il 48enne Salvatore Siani che, questa mattina a Cava de’ Tirreni, al culmine di una violenta lite con la moglie, Nunzia Maiorano, 41 anni, ha ucciso la donna a coltellate. La donna non sarebbe morta sul colpo, ma poco dopo, una volta giunta al pronto soccorso del presidio ospedaliero Santa Maria dell’Olmo. La dinamica dei fatti, non ancora chiarita, e’ al vaglio degli inquirenti. Puo’ trattarsi di un omicidio che segue un tentato suicidio oppure dell’esito del violento litigio avvenuto tra i due. La coppia aveva tre figli i quali, sembra, stessero giocando nel cortile dell’abitazione nella frazione Sant’Anna. Ai servizi sociali del Comune di Cava de’ Tirreni non risultano segnalazioni. Sulla vicenda interviene il sindaco della citta’ a Nord di Salerno, Vincenzo Servalli, che sentito da alcuni giornalisti locali ha affermato: “E’ una notizia terrificante. Il primo pensiero e’ per la giovane vita di mamma spezzata, ai tre figli e a questa famiglia distrutta. Non ricordo episodi del genere nella nostra citta’, non conosco le motivazioni del gesto che non puo’ trovare alcuna spiegazione di nessun genere. Sono drammi familiari di una gravita’ assoluta che molto spesso arrivano inaspettati anche per le stesse famiglie. Ai servizi sociali del Comune, peraltro, non risultano segnalazioni. In questo momento di grande dolore, credo che piu’ delle parole serva il silenzio”.

Continua a leggere
Pubblicità

Cava de Tirreni

Covid, boom di casi a Cava de Tirreni: 22 positivi

Pubblicato

il

covid cava de tirreni
Foto di repertorio

Aumentano ancora i contagi nei comuni salernitani. Il sindaco Servalli tranquillizza la cittadinanza: “Non esiste alcun focolaio, come pure si è detto, ma si tratta di positività sviluppatesi, prevalentemente, in nuclei familiari”

Aumentano ancora i casi positivi nel salernitano. In serata sono stati rilevati altri 22 positivi su 186 tamponi a Cava de’ Tirreni: incrociando il dato con i 63 guariti di questi giorni si arriva ad un totale complessivo di 633 positivi.

“Molta preoccupazione – spiega il sindaco Vincenzo Servalli – hanno suscitato i 40 positivi di due giorni fa, registrati su 269 tamponi. Non esiste alcun focolaio, come pure si è detto, ma si tratta di positività sviluppatesi, prevalentemente, in nuclei familiari. Si, è proprio la famiglia ad essere, oggi, fonte di preoccupazione. Prepariamoci, pertanto, a queste feste rispettando le regole soprattutto per i nostri anziani”.

Continua a leggere

Cava de Tirreni

Due spacciatori denunciati a Cava de’ Tirreni, bloccati mentre cedevano crack

Pubblicato

il

spacciatori cava

Nella scorsa notte gli Agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Cava de’ Tirreni – Sezione Volanti hanno deferito all’Autorità Giudiziaria due giovani “pusher”, R.A. di anni 25 e D.A. di anni 20, pregiudicati originari dell’agro nocerino, in quanto resisi responsabili, in concorso tra loro, dei reati di spaccio e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo “crack”.

In particolare, nel corso di un posto di controllo nei pressi dello svincolo autostradale, gli Agenti individuavano poco lontano un motociclo con una persona a bordo affiancarsi ad un’autovettura ferma sul margine destro della corsia di marcia: il passeggero del veicolo in sosta allungava un braccio verso l’esterno come per cedere un qualcosa al conducente del motociclo.

Immediatamente la pattuglia di Volante è entrata in azione ed i conducenti di entrambi i veicoli, al fine di eludere il controllo, si davano a precipitosa fuga in diverse direzioni.

L’autovettura è stata raggiunta e bloccata dalle due Volanti all’interno del vicino distributore di carburante. Al controllo, la vettura risultava presa a noleggio dal conducente, che era in compagnia di una seconda persona, come lui non residente nel comune di Cava de’ Tirreni, ed i due occupanti mostravano palesi segni di insofferenza, non sapendo fornire motivazioni circa la loro presenza sul territorio metelliano.

Dal successivo controllo ai terminali, i due giovani risultavano annoverare numerosi precedenti penali per spaccio di sostanze stupefacenti, per cui gli operatori procedevano a perquisizione personale, a seguito della quale veniva rinvenuto e sottoposto a sequestro penale un ovulo di colore giallo, nascosto nelle parti intime, al cui interno vi erano cinque dosi di “crack”, del peso totale di grammi 0,90, ed all’interno della tasca della felpa vi era la somma di euro 185,00 in banconote di piccolo taglio.

Inoltre, a seguito di perquisizione veicolare, gli agenti hanno rinvenuto anche, celati sotto il sedile posteriore, un bilancino di precisione elettronico, un cucchiaino da caffè, un coltello a seghetto da cucina e due taglierini con lama di 10 cm.

Inoltre, al domicilio di uno dei due giovani è stato rinvenuto un’altra dose di sostanza stupefacente di tipo “crack” del peso di 0,5 grammi, un trituratore in metallo e tre flaconi di fertilizzante.

I responsabili del reato sono stati deferiti alla Procura della Repubblica del Tribunale di Nocera Inferiore. Ad entrambi i giovani è stata contestata anche la violazione amministrativa ai sensi dell’art. 4, D.L.19/2020 per l’inosservanza delle misure di contenimento dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Continua a leggere

Le Notizie più lette