Droga lungo l’asse Ponticelli-Quartieri Spagnoli: tutti assolti

Droga lungo l’asse -Quartieri Spagnoli: tutti assolti.Il traffico di droga lungo l’asse Ponticelli- Quartieri Spagnoli gestito dal gruppo che faceva capo, secondo la Dda, a Maria D’Amico, esponente della famiglia dei “fraulella” del rione Conocal di da anni trasferita nei vicoli a ridossi di via Toledo. Sono ben sei gli assolti quindi dell’inchiesta che aveva fatto luce su un traffico di droga per i consumatori della “Napoli bene” ma anche per i giovani della movida, soprattutto a Chiaia e al Vomero. Maria D’Amico (difesa dall’avvocato Domenico Dello Iacono) e per la quale il pm aveva chiesto 14 anni di carcere, è stata invece assolta. Stessa sorte per Mariorosario Dipino che dal 2016 è stato latitante. Il pm aveva chiesto 10 anni di carcere ma, come ricorda Il Roma, dopo la difesa dell’avvocato Luca Mottola, è arrivata l’assoluzione. Da latitante a possibile detenuto è arrivata invece la libertà senza essere stato in prigione. Assolti anche gli altri del gruppo D’Amico “Fraulella” ovvero Luigi Nocerino, (marito della D’Amico) per il quale erano stati chiesti dodici anni di carcere, (avvocato Dello Iacono). Assolti anche Carmela Ercolani, cognata della donna boss Nunzia D’Amico ‘a passilona uccisa nel 2015 fuori all’uscio della sua abitazione di ponticelli, e per la quale erano stati chiesti 14 anni (Dello Iacono), e Raffaele Esposito, chiesti 14 anni (Dello Iacono). E infine l’assoluzione è arrivata per Raffaele Di Napoli, (avvocato Polito), e anche Carmine Nocerino, sempre difeso dall’avvocato Dello Iacono. L’unico condannato è stato Maurizio Costanzo, per il quale era stata chiesta la condanna a venti anni. E’  stato assolto dall’aggravante di essere capo e pro-motore e assolto anche dall’accusa di essere parte di un’associazione a delinquere finalizzata al traffico di droga. Difeso dall’avvocato Luca Mottola, ha avuto “solo” dodici anni di pena. Per l’accusa questo gruppo, che si legava anche a livello familiare ai Ricci dei Quartieri Spagnoli.

LEGGI ANCHE  Camorra: condanne per 120 anni di carcere al clan Senese

(nella foto Maria D’Amico e il marito Luigi  NocerinoI