Seguici sui Social

Cultura

Natale in casa Cupiello diventa Noel cez les Cupiello nella rappresentazione bilingue

Pubblicato

in


Pubblicità


Instant Mix presenta venerdì 15 dicembre alle 20.00, presso la Sala Dumas dell’Institut francais Napoli, “Noel chez les Cupiello”: per la prima volta in Italia, la versione bilingue di “Natale in casa Cupiello”. Per la regia di Anne Berelowitch, uno dei dieci lavori del progetto europeo di teatro multilingue, lo spettacolo è prodotto dalla compagnia parigina Cie Instant Meme e dalla napoletana Muri’cena Teatro. Ad ingresso libero (presentando un documento d’identità e fino ad esaurimento posti con due mattinate per studenti), è questa la prima volta che si rappresenta in Italia la celebre commedia di Eduardo in versione bilingue. La prima versione – grazie alla collaborazione tra il Teatro Bellini di Napoli e la compagnia parigina – era stata creata nel 2014, poi lo spettacolo è stato riscritto e ha debuttato in Francia lo scorso 30 novembre.
“Non poteva esserci luogo più adatto dell’Institut francais Napoli per presentare uno spettacolo, risultato di un lungo percorso artistico multilingue ancora in evoluzione, che rispecchia perfettamente la nostra strategia – afferma il console generale di Francia a Napoli Jean Paul Seytre – Noel chez les Cupiello è sicuramente una delle opere più famose del celebre drammaturgo napoletano e questa nuova versione con l’incontro tra diverse lingue e culture crea un risultato sorprendente, un idioma comune ricco e accessibile che parla in modo immediato a tutti gli spettatori”. “Sono particolarmente orgogliosa di essere a Napoli per questo appuntamento italiano e mi auguro che il pubblico napoletano possa scoprire le molteplici facce del nostro lavoro per condividere la ricchezza della creazione teatrale multilingue”, afferma Anne Berelowitch, creatrice di Instant Mix e regista dello spettacolo. Noel chez les Cupiello è tra gli spettacoli che fanno parte della cosiddetta “traduction en acte”, vale a dire in cui il testo è recitato dagli attori in due lingue differenti. “Lavorare su una versione bilingue dell’opera ci ha permesso di analizzare il testo fino al raggiungimento del nostro obiettivo, quello di unire i due idiomi in modo che le due lingue coabitassero in una stessa situazione teatrale. Lo spettatore fruirà delle due lingue contemporaneamente grazie ad un gioco di traduzione scenica e teatrale”, spiega Raffaele Parisi, presidente dell’Associazione di Promozione Sociale “Muri’cena Teatro”. L’evento ha il patrocinio morale dell’Assessorato alla cultura e al turismo del Comune di Napoli.

Continua a leggere
Pubblicità