Minacce al pizzaiolo di Acerra, Paolella lancia un appello: “Viviamo nel terrore, aiutateci”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Acerra. L’incendio della pizzeria, i furti delle auto e ora le minacce telefoniche: l’ennesimo avvertimento rivolto a Gaetano Paolella, 34 anni, titolare di una nota pizzeria ad Acerra. “Ci prenderemo tutte le macchine che vogliamo e poi ci prenderemo anche te” questa la minaccia, l’ennesima che Paolella ha denunciato ai carabinieri, dopo una serie impressionante di episodi criminali dietro i quali potrebbe esserci il tentativo da parte di criminali di fare piazza pulita di ogni forma di concorrenza in città. “Faccio il mio lavoro e devo avere paura: Non si vive così” ha detto ieri dopo l’ennesimo attacco nei suoi confronti. Un anno fa la Pizzeria Paolella di Corso Resistenza ad Acerra fu distrutta da un incendio doloso.
I carabinieri hanno denunciato un ragazzo di 17 anni, incensurato e di buona famiglia che -si ipotizza – non ha agito da solo. Quaranta giorni dopo, Gaetano Paolella è riuscito a riaprire il suo locale, ma nel giro di pochi mesi gli sono state rubate tre auto personali, acquistate dopo ogni furto. Poi i ladri hanno rubato, come riporta Il Mattino, anche un motorino e una Panda utilizzata per le consegne a domicilio delle pizze. Finita la scia dei furti, nei giorni scorsi sono iniziate le minacce telefoniche. L’obiettivo è quello di distruggere l’attività commerciale. Gaetano Paolella ha quindi lanciato un appello dopo aver presentato l’ennesima denuncia ai carabinieri:  “Io e la mia famiglia stiamo vivendo nel terrore: aiutateci” ha detto il 34enne di Acerra. Lo scorso anno anche altri esercizi commerciali erano stati presi di mira: un attentato incendiario alla bigiotteria Di Buono, situata nel centro storico ha costretto i titolari a trasferirsi in un’altra zona della città.






LEGGI ANCHE

Avellino, scoperti telefoni e droga nella cella del boss

La polizia penitenziaria ha effettuato una perquisizione straordinaria nella cella di un boss della camorra all'interno del carcere di Avellino, dove sono stati scoperti...

Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

Napoli, arrestato il complice del rapinatore che ferì l’ingegnere

Napoli. E' stato arrestato anche il secondo rapinatore che la sera del 29 marzo 2023 partecipò al tentato omicidio di un ingegnere che stava...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE