Polfer, intensificati i controlli in Campania: ecco i risultati

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Il compartimento di Polizia ferroviaria della Campania ha potenziato i servizi di specialità ed ha innalzato il livello di allerta e vigilanza nella stazione di Napoli Centrale, nodo fondamentale del traffico ferroviario locale e nazionale nonché centro commerciale con decine di esercizi, sia anche nelle altre stazioni campane, così come sono stati assicurati, a livello regionale, i servizi di scorta a bordo dei treni delle Ferrovie dello Stato ritenuti critici. Sono stati intensificati i controlli nei confronti delle persone sospette transitate nelle stazioni che hanno viaggiato utilizzando il mezzo ferroviario.
In tale ambito i risultati conseguiti nel periodo di riferimento dal Compartimento Polizia Ferroviaria per la Campania di Napoli nei due settori più importanti della sicurezza, quello della prevenzione e della repressione dei reati commessi in ambito ferroviario, rappresentano una tangibile testimonianza dell’impegno e della professionalità profusa dagli operatori della Specialità della Polizia di Stato in Campania.
Ecco, in numeri, i servizi predisposti e i risultati conseguiti dal 1 giugno al 31 agosto; le variazioni percentuali, rispetto allo stesso periodo del 2016, testimoniano il rafforzamento delle misure di prevenzione e di vigilanza predisposto per garantire un maggior livello di sicurezza in ambito ferroviario:
– 3005 pattuglie per i servizi di vigilanza scali ferroviari
– 919 servizi di scorta a bordo treno
– 1782 treni scortati
– 186 servizi di pattugliamento lungo la linea ferroviaria
– 369 servizi antiborseggio
– 22 pattuglioni straordinari (+144% )
– 376 contravvenzioni
– 39 persone arrestate (+85%)
– 133 persone denunciate (+46%)
– 44511 persone identificate (+292%)
– 10 provvedimenti di P.S. irrogati
– nr. 16 minori rintracciati
Per definire più in dettaglio l’attività posta in essere nell’anno appena trascorso è opportuno sottolineare le diverse ed eterogenee finalità che sono state perseguite.
Innanzitutto sono stati disposti servizi volti a contrastare la minaccia terroristica attraverso controlli straordinari, estesi anche ai depositi bagagli, ove esistenti, facendo ricorso all’ausilio di unità cinofile.
Nel contempo, è rimasta alta l’attenzione rivolta a quegli ambiti di illegalità, legati a varie forme di abusivismo (presenza di portabagagli, venditori di articoli di vario genere, tassisti privi della prescritta autorizzazione, questuanti di vario genere e di diverse etnie ecc.), che, pur non attenendo strettamente alla sfera penale, rappresentano comunque atti illeciti e, per tale motivo, non mancano di ingenerare nell’utenza un senso di malessere, di incertezza e di sfiducia nei confronti delle Istituzioni oltre che determinare interferenze al regolare esercizio ferroviario.
Degna di rilievo è stata anche l’attività condotta dalla Squadra Giudiziaria Compartimentale per contrastare il fenomeno dei furti di rame e dei delitti contro il patrimonio ai danni dei viaggiatori. Nei giorni scorsi sono stati denunciati tre giovani napoletani che avevano asportato rame da una pompa di sollevamento posta sulla Linea Alta Velocità Napoli Roma, mentre sul fronte dei reati predatori ai danni dei viaggiatori, nel solo mese di agosto nella stazione di Napoli C.le vi sono stati dieci arresti per furti e rapine.
Si è inoltre conclusa un’importante attività di polizia giudiziaria per reati di associazione a delinquere finalizzata alla truffa alle compagnie assicurative, detenzione e messa in circolazione di valori da bollo falsi, alterati e contraffatti e altro nell’ambito della quale sono state indagate 43 persone; per 9 delle quali è stata emessa una misura cautelare.







LEGGI ANCHE

Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE