Paganese: ecco l’effetto Favo

SULLO STESSO ARGOMENTO

La cura del nuovo allenatore rilancia subito la Paganese. Nemmeno il tempo di assorbire l’arrivo di Massimiliano Favo in panchina che la formazione azzurrostellata sbanca Cosenza e rialza la china in classifica. Il micidiale uno-due al termine della prima frazione segna il punto di svolta per Carcione e compagni. Una condotta di gara che limita al minimo ogni rischio, nonostante un fisiologico calo atletico nella ripresa neutralizzato dalle parate del solito Gomis, e la capacità di concretizzare ogni occasione negli ultimi sedici metri portano i primi punti in cascina ed un ritrovato entusiasmo. Spazzati via in un colpo solo i mugugni dell’ambiente successivi alla sconfitta con il Bisceglie, gli azzurrostellati hanno palesato una migliore organizzazione tattica ed una condizione fisica in leggera crescita, anche se ancora distante dalla soglia ottimale. I vari Regolanti, Baccolo e Cesaretti sono ancora a mezzo servizio ma la voglia dell’allenatore di gettarli subito nella mischia può accelerare il processo di crescita necessario alle sorti della Paganese. Stavolta il San Vito-Marulla si è rivelato benevolo per gli azzurrostellati che un paio di mesi fa dovettero fermare la loro corsa playoff proprio contro il Cosenza. Ci hanno pensato Cesaretti e Talamo a lanciare gli azzurrostellati sul finire della prima frazione sfruttando al massimo gli spazi concessi dalla difesa rossoblu. Diverse le note positive emerse in terra calabrese. In primis dal centrale Carini che si è riscattato al meglio rispetto alle sbavature dell’esordio ergendosi a leader del pacchetto arretrato. Così come non sono dispiaciuti gli apporti degli esterni bassi Picone e Della Corte. Anche dalla cintola in su, dove le gambe viaggiano ancora a marce basse, arrivano segnali incoraggianti di ripresa. Tutti dati da confermare ulteriormente nella sfida di sabato prossimo al Torre contro la Reggina (ore 20:30). Per l’occasione sarà disponibile anche l’ultimo arrivato, il centrale di difesa Luca Piana. Non è da escludere almeno un altro innesto dal mercato degli svincolati.






LEGGI ANCHE

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE