Carceri: agente penitenziario si uccide a Palermo

SULLO STESSO ARGOMENTO

Un assistente capo del Corpo di polizia penitenziaria, originario di Termini Imerese e in servizio nel nucleo traduzioni e piantonamenti del carcere Pagliarelli di Palermo, si e’ tolto la vita oggi, sparandosi con la pistola d’ordinanza. A darne notizia e’ il Sindacato autonomo polizia penitenziaria Sappe. “Ha prestato servizio e poi e’ tornato a casa, dove si e’ tolto la vita. Siamo di fronte a una tragedia immane. Sembra davvero non avere fine il mal di vivere che caratterizza gli appartenenti al Corpo di polizia penitenziaria. Ed e’ grave che in Sicilia, in tanti anni, nulla e’ stato fatto per prevenire il disagio lavorativo dei poliziotti penitenziari. Lo scorso mese di aprile, a Marsala, un altro poliziotto penitenziario si tolse la vita ma quella tragedia non ha insegnato nulla”, dice Donato Capece, segretario generale del Sappe, ricordando che negli ultimi tre anni si sono suicidati piu’ di 40 poliziotti e dal 2000 ad oggi sono stati complessivamente piu’ di 100, ai quali sono da aggiungere anche i suicidi di un direttore di istituto (Armida Miserere, nel 2003 a Sulmona) e di un dirigente generale (Paolino Quattrone, nel 2010 a Cosenza). 






LEGGI ANCHE

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE