Armi e droga a Giugliano, la Polizia arresta un 26enne vicino agli scissionisti del clan Di Biase

google news

Giuglliano. Due pistole, perfettamente funzionanti, hashish, marijuana ed un bilancino di precisione: arrestato un 26enne a Giugliano. Si tratta di Francesco Salierno, alias Ciccio o piccirillo, vicini agli ambienti del gruppo camorristico scissionista Di Biase, in contrasto con il sodalizio criminale dei Mallardo. 

Gli agenti del Commissariato di P.S. “Giugliano-Villaricca” hanno fermato in strada il giovane, trovato in possesso di una modica quantità di stupefacente, decidendo così di estendere il controllo anche presso la sua abitazione.

I poliziotti, infatti, hanno effettuato una perquisizione nell’abitazione del 26enne, dove hanno trovato una pistola di marca Beretta, calibro 7, 65, completa di caricatore con 5 cartucce al suo interno  risultata, da successivi accertamenti, rubata lo scorso anno in Ercolano ed una pistola semiautomatica, di marca Baikal, di fabbricazione russa, predisposta per alloggiare un silenziatore del tipo calibro 38,  priva di matricola.

Nel corso della perquisizione, gli agenti hanno trovato e sequestrato anche 31 cartucce del tipo GFL, un coltello a serramanico, 3 panetti di hashish, utile al confezionamento di circa 300 dosi e ben 140 dosi di marijuana già termo sigillate, oltre a materiale utile al confezionamento della sostanza stupefacente .

Il giovane è stato arrestato dai poliziotti e trasferito alla Casa Circondariale di Poggioreale con l’accusa di detenzione e porto abusivo di arma comune da sparo, nonché di arma clandestina, alterazione di armi e munizionamento, ricettazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.