Aggressione brutale a San Giorgio a Cremano: 13enne pestato da un branco di 20 ragazzi

SULLO STESSO ARGOMENTO

Un episodio di violenza inaudita ha sconvolto la comunità di San Giorgio a Cremano, alle porte di Napoli. Un ragazzino di 13 anni è stato brutalmente pestato da un gruppo di circa 20 coetanei nella serata di domenica scorsa, in via Aldo Moro, all’interno della villa comunale.

Secondo il racconto del 13enne, l’aggressione sarebbe scaturita da una banale discussione con alcuni ragazzi del branco. In pochi istanti, la situazione è degenerata: il ragazzo è stato accerchiato e selvaggiamente picchiato con bastoni di legno, tirapugni e calci.

I violenti colpi gli hanno provocato un forte trauma cranico e contusioni multiple su tutto il corpo.

    Soccorso da alcuni passanti, il 13enne è stato trasportato in ambulanza all’ospedale Santobono di Napoli, dove è stato ricoverato in codice giallo. Le sue condizioni sono stabili, ma i medici hanno riscontrato la gravità delle lesioni subite.

    Dopo le prime cure mediche, il ragazzo, insieme alla madre, ha deciso di sporgere denuncia presso la stazione dei carabinieri di San Giorgio a Cremano.

    I carabinieri hanno avviato le indagini per identificare e rintracciare i responsabili dell’aggressione. Le indagini si concentrano sull’analisi delle immagini delle telecamere di sorveglianza presenti in zona e sull’ascolto di testimoni.

     

     



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    Camorra, assoluzione piena per i fratelli Diana: “Il fatto non sussiste”

    Assoluzione con formula piena - "il fatto non sussiste" - per i fratelli Antonio Diana e Nicola Diana, figli di Mario Diana, vittima innocente della criminalità organizzata. I due erano sotto processo a Santa Maria Capua Vetere con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. Il tribunale, presieduto dal giudice...

    Napoli, omicidio Coppola respinto il ricorso di Petrucci: resta in carcere

    Napoli. Il Tribunale del Riesame di Napoli ha respinto il ricorso presentato dall'avvocato Antonio Bucci a favore di Gennaro Petrucci, l'imprenditore ritenuto il mandante dell'omicidio dell'ingegnere Salvatore Coppola. Petrucci, già detenuto, resta in carcere. Petrucci, marito 73enne dell'imprenditrice antiracket Silvana Fucito, è accusato di aver assoldato un killer, Mario De...

    CRONACA NAPOLI