Camorra, niente giustizia riparativa per Mariano Riccio: la Dda chiede l’ergastolo

SULLO STESSO ARGOMENTO

Mariano Riccio, boss scissionista e presunto mandante del duplice omicidio di Ciro Abrunzo (“o cinese”) e Franco Gaiola, avvenuto a Barra nel 2012, rischia l’ergastolo. La richiesta è stata avanzata dal pm Maurizio De Marco della DDA di Napoli, al termine della requisitoria nel processo che vede imputati, oltre a Riccio, anche i presunti esecutori materiali Francesco Paolo Russo e Franco Bottino.

Riccio, in un tentativo di accedere alla giustizia riparativa, si era dissociato dai fatti e aveva chiesto perdono alle famiglie delle vittime. La sua richiesta, però, è stata respinta dal gip Marrone.

L’omicidio di Abrunzo e Gaiola – come ricorda Il Roma- fu uno degli episodi più cruenti della terza faida di Scampia. Per attuarlo, Riccio escogitò un piano singolare: i killer si travestirono da operatori dell’Asìa per non destare sospetti. Il 21 giugno 2012, Russo e Bottino, a bordo di un finto pulmino dell’Asìa, raggiunsero Abrunzo e Gaiola a Barra e li uccisero a colpi di arma da fuoco.

    Le indagini, coordinate dalla DDA di Napoli e condotte dalla Squadra Mobile di Napoli, portarono all’arresto di Riccio, Russo e Bottino nel 2022. L’inchiesta si basò sulle dichiarazioni di 11 pentiti e su accertamenti vecchi e nuovi.

    Il processo è in corso davanti al gup Nicola Marrone, che emetterà la sentenza il 29 aprile. Riccio, Francesco Paolo Russo detto “Cicciariello” e Franco Bottino negano ogni addebito, ma un colpo di scena non è escluso.

    Oltre all’ergastolo per i tre imputati, la procura ha chiesto anche il risarcimento del danno alle parti civili.

     



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    Napoli, omicidio Coppola respinto il ricorso di Petrucci: resta in carcere

    Napoli. Il Tribunale del Riesame di Napoli ha respinto il ricorso presentato dall'avvocato Antonio Bucci a favore di Gennaro Petrucci, l'imprenditore ritenuto il mandante dell'omicidio dell'ingegnere Salvatore Coppola. Petrucci, già detenuto, resta in carcere. Petrucci, marito 73enne dell'imprenditrice antiracket Silvana Fucito, è accusato di aver assoldato un killer, Mario De...

    Avellino: maltratta la moglie e i due figli, scatta divieto di avvicinamento

    È stato emesso un provvedimento di divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dai familiari per un 40enne di Frigento, a seguito dell'ennesimo episodio di maltrattamenti nei confronti della moglie e dei due figli minorenni. Il provvedimento, emesso dal Gip del Tribunale di Avellino su richiesta della Procura, è stato notificato...

    CRONACA NAPOLI