FESTA AZZURRA

Napoli Juve, le pagelle: Kvara magico. Osimhen, una giocata che vale tre punti

SULLO STESSO ARGOMENTO

Meret: 6. Si salva in più di un’occasione, dagli errori di Vlahovic a quello di Cambiaso, fino alla rete di Chiesa all’83’. Nel finale esce con coraggio su una punizione alta.

PUBBLICITA

Di Lorenzo 6. Da quelle parti la Juve si fa pericolosa soprattutto nel primo tempo, suo il cross dal quale nasce la rete di Kvara. Ma anche offensivamente manca un po’ di lucidità.

Rrahmani 6,5. Pulito nelle chiusure, bravo a rimediare anche agli errori della retroguardia e a tenere tutti sul pezzo. Cede alla fine per problemi fisici (dal 65′ Ostigard: 6).

Juan Jesus: 6. Un errore nel primo tempo e qualche incertezza in fase di uscita. Fa a sportellate con Vlahovic che più di una volta si libera pericolosamente, sbagliando però l’impossibile davanti alla porta.

Olivera: 6. Qualche errore di troppo in fase difensiva, ma se la cava. Non chiude con i tempi giusti su Chiesa che ne approfitta e ha lo spazio per concludere a rete per il gol del pari.

Anguissa: 6,5. Supporto continuo alla manovra offensiva, qualche imprecisione ma anche tanto sacrificio e un paio di situazioni pericolose create in area.

Lobotka: 6,5. Con fiducia e attenzione nella gestione del pallone, se ne esce con la manovra e con lucidità anche nei momenti più difficili.

Traorè: 5,5. Buon inizio, poi qualche sbavatura sia in attacco, quando svirgola un pallone pericoloso in area, sia quando si addormenta sulla pressione di Rugani consegnando un gol a Vlahovic, che però clamorosamente spara alto davanti a Meret (dal 65′ Zielinski: 6).

Kvaratskhelia: 7,5. Subito un paio di giocate, genera due ammonizioni bianconere nel primo tempo. La battuta al volo è pregevole e sblocca il risultato. Vera anima di questo Napoli (dal 93′ Lindstrom: sv).

Politano: 6. Crea molto poco, dalle sue parti qualche cross che però non trova mai fortuna nelle giocate dei compagni (dal 65′ Raspadori: 7. E’ ancora lui il giustiziere dei bianconeri).

Osimhen: 6,5. Nel primo tempo fa grossa fatica nel duello con Bremer, toccando appena 5 palloni in tutto. L’unica giocata degna di nota è quella che vale la vittoria: in mezzo a tre aggancia il pallone e guadagna il penalty decisivo. Lo sbaglia, ma per sua fortuna c’è Raspadori a salvarlo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




Nel giorno dell'attesa udienza del processo contro Alessandro Impagnatiello, accusato dell'omicidio della giovane Giulia, incinta di sette mesi, il padre, Franco Tramontano, ha espresso il proprio dolore e la determinazione a ottenere giustizia attraverso un toccante post su Instagram. "Con il sorriso e la bontà...

Prossima Partita

Classifica

IN PRIMO PIANO

Ultime Notizie

Mertens torna a Napoli: birra in spiaggia e sorpresa agli ex compagni

Un ritorno inaspettato e pieno di emozioni per Dries Mertens, l'ex attaccante del Napoli, che ha fatto visita alla città partenopea insieme alla sua famiglia durante una pausa dai suoi impegni con il Galatasaray. Mertens, che si è trasferito in Turchia nell'estate del 2022, ha colto l'occasione per fare un breve ritorno nella città che ha sempre considerato "casa...