Si è pentito il super boss Francesco Schiavone “Sandokan”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Un terremoto nel mondo camorristico: il boss dei Casalesi, Francesco Schiavone “Sandokan”, dopo 26 anni dal suo arresto, ha deciso di collaborare con la giustizia.

La notizia, riportata da Cronache di Caserta, ha sconvolto la comunità casalese e rappresenta una svolta epocale nella lotta contro la camorra.

Un regno di terrore che si sgretola. Sandokan, 71 anni, era considerato l’uomo che ha spodestato Antonio Bardellino, altro noto capoclan. Arrestato nel 1998 e condannato all’ergastolo per diversi omicidi, si trovava al carcere duro.



    Ora, la sua decisione di pentirsi potrebbe svelare segreti del clan rimasti nascosti per quasi 30 anni. Di recente, anche perché malato, è stato trasferito nel carcere de L’Aquila.

    I figli che hanno preceduto il padre

    la scelta di Sandokan segue quella dei suoi figli Nicola e Walter, che già collaborano con la giustizia dal 2018 e 2021 rispettivamente. Un duro colpo per il clan, che si ritrova senza il suo capo storico e con la sua leadership frammentata.

    La collaborazione di Sandokan è ancora agli inizi e solo il tempo dirà se si tratta di un pentimento sincero o di una strategia di comodo. Le forze dell’ordine hanno comunque offerto un programma di protezione ai familiari del boss, segno che la sua decisione potrebbe portare a rivelazioni importanti.

    Un futuro incerto per il clan dei Casalesi

    con la caduta di Sandokan, l’impero del terrore del clan dei Casalesi sembra sgretolarsi. Resta da vedere se ci sarà una rinascita criminale del gruppo e chi, tra gli altri figli di Sandokan, Carmine, Emanuele e Ivanhoe, assumerà il controllo.

    La collaborazione di Sandokan rappresenta una vittoria per lo Stato e un passo avanti nella lotta contro la camorra. Le sue rivelazioni potrebbero portare all’arresto di altri affiliati e alla confisca di beni illeciti, contribuendo a indebolire il clan e a liberare il territorio dal suo giogo oppressivo.

     


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Nocera Superiore, pusher arrestato con crack e cocaina

    Ancora un arresto eccellente per la Guardia di Finanza di Salerno nell'ambito delle attività di controllo del territorio. I finanzieri della Compagnia di Cava de' Tirreni hanno infatti arrestato un noto pusher a Nocera Superiore. L'operazione è avvenuta nei giorni scorsi. I militari, a seguito di un'attenta attività di monitoraggio,...

    Napoli, al Cardarelli espiantato il cuore a un paziente di 75 anni

    L'ospedale Cardarelli, in occasione della giornata nazionale per la donazione degli organi, ha annunciato di aver espiantato il cuore di un paziente settantacinquenne per trapiantarlo con successo in un uomo cinquantenne in lista d'attesa. Questo eccezionale trapianto si è distinto per la generosità della famiglia del donatore e per l'abilità...

    Villa Literno, ai domiciliari scappa per spacciare cocaina: arrestato

    Era sotto regime di arresti domiciliari per reati legati allo spaccio di sostanze stupefacenti e aveva il permesso di recarsi al lavoro presso un'azienda agricola locale dal lunedì al sabato, dalle 07:30 alle 16:30, previa notifica giornaliera ai Carabinieri. Come di consueto, anche ieri mattina il 46enne di Villa Literno,...

    Secondigliano, aggredisce e minaccia la moglie con un palo di ferro: arrestato

    Napoli - Un uomo di 48 anni è stato arrestato dalla Polizia di Stato a Secondigliano per maltrattamenti in famiglia. L'uomo ha aggredito e minacciato la moglie con un palo di ferro, sfondando anche la porta di ingresso della loro abitazione. L'episodio è avvenuto ieri pomeriggio. La donna, in forte...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE