Castellammare, Dino De Angelis, e “Il caso Tenco” andato in scena al Teatro Stabile Santa Filomena

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Il caso Tenco”, uno spettacolo di Dino De Angelis, narratore e scrittore lucano, è andato in scena sabato 2 e domenica 3 marzo presso il Teatro Stabile Santa Filomena di Castellammare di Stabia, nell’ambito della rassegna 2024.

L’autore, supportato da immagini e filmati dell’epoca, con una potente narrazione durata circa due ore, ha coinvolto emotivamente il folto pubblico presente, attraversando la tormentata vita di Luigi Tenco fino al tragico epilogo avvenuto il 27 gennaio 1967, dopo una disastrosa performance canora alla prima serata della 17ma edizione del Festival di Sanremo.

“Faremo una lunga camminata sulla sua vita questa sera. Un sacco di interrogativi tireremo fuori, forse anche qualche risposta.”



    Ha esordito così Dino De Angelis nei primi minuti dello spettacolo sul cantautore genovese e, di fatto, ha proseguito condividendo una puntuale ricostruzione delle vicende che hanno caratterizzato la complicata trama di un caso giudiziario, liquidato frettolosamente come suicidio, ma attraversato da oggettive incongruenze che ancora oggi, dopo ben cinquantasette anni – in assenza di prove inconfutabili – non consentono di affrancarlo da motivati sospetti. Circostanza che ha tra l’altro legittimato la richiesta di riapertura del caso, con conseguente controinchiesta, nel 2013.

    Troppi gli errori dell’analisi condotta nelle brevi indagini sulla scomparsa di Tenco, troppe le anomalie che si riscontrano attraverso i dettagli dell’epoca e che rafforzano l’idea dell’autore in merito all’inattendibilità del preteso suicidio.

    Una fine del genere non appare verosimile per un personaggio – sì controcorrente e con una propensione al mal di vivere, probabilmente dettata da vicissitudini familiari – ma dal talento smisurato e comprovata intelligenza.

    Al netto delle proprie ricerche, consultazioni di biografie ed interviste ai principali protagonisti della triste vicenda, ed alla luce dei fatti di cronaca, Dino De Angelis, con le sue analitiche deduzioni, ha dominato abilmente la scena innescando il vivo interesse e la partecipazione della platea presente, che ha talvolta interagito con lui attraverso brevi interruzioni dell’accorato monologo, rivelandone ancor di più l’oggettivo valore.

    L’opera dell’autore lucano, nel 2021 – nel periodo in cui vigeva l’inibizione degli spettacoli e degli incontri dal vivo – è stata preceduta dalla serie intitolata “Nessuna lacrima vada sprecata – Il caso Tenco”, visibile sui suoi canali facebook o Linkedin, tutt’ora disponibile sul web.

    Uno strumento che si palesa quale interessante occasione di approfondimento della questione per gli estimatori del cantautore scomparso, ma anche un valido approccio con la caratura artistica di Dino De Angelis.


    Articolo offerto da Emmerre Auto - Torre del Greco
    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Salerno, picchia la compagna e la sorella: arrestato 42enne

    Un uomo di 42 anni è stato arrestato dai carabinieri a Santa Marina, provincia di Salerno, per aver maltrattato la compagna e la sorella di quest'ultima. Durante una lite in casa, l'uomo ha picchiato la compagna di 43 anni, causandole diverse contusioni, e ha aggredito anche la sorella della donna,...

    Avellino, banditi fanno esplodere il bancomat di Bper

    Colpo dei bombaroli del bancomat ad Avellino. Ignoti stamane poco prima che albeggiasse hanno fatto esplodere un ordigno allo sportello bancomat esterno della Bper di Corso Kennedy E' accaduto intorno alle 5.10. Il forte fragore e l'allarme non hanno fatto desistere i banditi dal portare a termine il loro colpo....

    Arzano, ladri scassinano il Gio’s drink: il titolare pubblica il video

    Arzano - Ladri a volto scoperto sfidano lo Stato e derubano il “Gio’s drink” h24 di via Napoli. Commerciante per protesta pubblica i video sui sociali. Ancora assalti, ancora furti che non sembrano minimente fermarsi in una città ormai fuori controllo. L’amara sorpresa la mattina presto quando arrivando davanti all’ingresso,...

    Napoli, danni all’auto di don Luigi Merola: “La camorra ci vuole sfrattare”

    Vetro dell'auto distrutto e lampeggiante rubato: questa mattina don Luigi Merola ha trovato la sua auto di servizio danneggiata. Il sacerdote, da anni impegnato nella lotta alla camorra, ha denunciato l'accaduto sulla pagina Facebook della sua fondazione "'A voce d'e creature". Un messaggio intimidatorio? Secondo don Merola, l'episodio è da...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE