Marigliano, ucciso sotto casa con un colpo di pistola: carabinieri fanno luce sull’omicidio di Francesco Esposito

SULLO STESSO ARGOMENTO

I Carabinieri del Nucleo Investigativo e della Compagnia del Gruppo di Castello di Cisterna hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP Tribunale di Napoli su richiesta della D.D.A. locale.

Tale ordinanza riguarda sei persone, di cui cinque destinate alla custodia in carcere e una ai domiciliari, gravemente indiziate del reato di omicidio aggravato dalle finalità mafiose.

Gli indagati, in base ai ruoli di mandante, organizzatore o esecutore materiale, sono stati colpiti da gravi indizi di colpevolezza per l’omicidio di Esposito Francesco, affiliato al clan Mazzarella, ucciso con un colpo di pistola al petto il 5 febbraio 2016 mentre usciva dalla sua abitazione a Marigliano (NA).

    Secondo le indagini, l’omicidio sarebbe avvenuto a causa dei contrasti tra vari clan e gruppi criminali di Napoli e provincia per il controllo di Marigliano e dei comuni vicini. È importante sottolineare che questa misura cautelare è stata disposta durante le indagini preliminari e i destinatari hanno il diritto di impugnare tale provvedimento.

    Inoltre, essi sono persone sottoposte a indagini e, quindi, presumibilmente innocenti fino a una sentenza definitiva.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE