Caivano, il nuovo boss Francesco Pezzella dietro l’attentato a don Patriciello e le minacce al comandante Chiariello

SULLO STESSO ARGOMENTO

Ci sarebbe la mano del nuovo boss di Caivano, l’emergente Francesco Pezzella, dietro l’attentato al prete anticamorra Maurizio Patriciello e le minacce al comandante dei vigili urbani Biagio Chiariello.

È quanto emerge dall’operazione  che stamane  ha portato all’emissione di 13 misure cautelari: 11 in carcere e due ai domiciliari. Il nuovo boss stava contrastando il “sistema Caivano”.

Il gruppo criminale operava nei territori di Frattamaggiore, Frattaminore e Caivano, con l’obiettivo di assumere il controllo delle piazze di spaccio di droga.

Tra gli attacchi intimidatori, si registrò anche la diffusione di un manifesto funebre contro il comandante della polizia municipale, Biagio Chiariello, e soprattutto l’attentato con bomba contro il sacerdote don Maurizio Patriciello nella notte tra il 12 e il 13 marzo 2022.

Questi atti intimidatori sono stati perpetrati contro coloro che si opponevano al “sistema”, una definizione spesso usata per indicare la camorra e il degrado del territorio nell’hinterland a nord di Napoli.

Gli attacchi contro il comandante della polizia locale di Arzano, Biagio Chiariello (che ha trovato un manifesto funebre con il suo nome all’ingresso del comando), e contro don Maurizio Patriciello, parroco del Parco Verde di Caivano (a cui è stata fatta esplodere una bomba davanti al cancello della Chiesa San Paolo Apostolo), hanno avuto lo scopo di intimidire e neutralizzare coloro che la malavita considerava nemici.

Le indagini dei carabinieri di Giugliano in Campania e Arzano, coordinate dalla DDA di Napoli, hanno portato all’esecuzione di 13 misure cautelari contro presunti esponenti della criminalità organizzata. Questi fatti sono stati confermati anche dai collaboratori di giustizia, tra cui Pasquale Cristiano, ex capo di un gruppo malavitoso locale.

La faida tra la famiglia criminale guidata da Giuseppe Monfregolo e il gruppo gestito da Pasquale Cristiano e Vincenzo Mormile è stata scatenata dall’omicidio di Salvatore Petrillo, nipote di Cristiano, ucciso in un agguato il 24 novembre 2021 davanti al “Roxy Bar” di Arzano  e morto in ospedale a Giugliano in Campania quattro giorni dopo.

@riproduzione riservata

 

 



Torna alla Home

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

telegram

LIVE NEWS

De Luca: “Don Patriciello non ha il monopolio nella lotta contro la camorra”

Il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha replicato alle recenti polemiche sollevate dall'on. Meloni riguardo alle sue dichiarazioni, rilasciate in merito alla proposta di premierato. In una nota ufficiale, De Luca ha sottolineato che la sua battuta non era rivolta a don Patriciello, bensì alla strumentalizzazione politica...

Ultimo saluto a Franco Di Mare, la moglie: “Perdonami se non sorrido”

Sotto una leggera pioggia, questa mattina si sono svolti i funerali di Franco Di Mare, giornalista e dirigente Rai scomparso venerdì scorso all'età di 68 anni per un mesotelioma. La cerimonia si è tenuta nella Chiesa degli Artisti di Piazza del Popolo a Roma, gremita di amici, colleghi e...

CRONACA NAPOLI