Per Storie al Femminile, il racconto per immagini di ‘Blanche’ con Luciana Mauro e un’amicizia special...

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il salotto letterario della Fondazione de Stefano di Ogliastro Cilento si prepara ad accogliere l’edizione 2024 di “Storie al Femminile”, mettendo in luce la narrativa in rosa.

L’evento si focalizzerà sul libro “Blanche” scritto da Luciana Mauro e illustrato da Aglaya Fernandez. La storia di Blanche e Annette, già amata da grandi e piccoli, sarà al centro di un coinvolgente dialogo tra varie voci, incluso il giornalista Alfonso Sarno.

I partecipanti avranno l’opportunità di esplorare nuovi dettagli e nuove pagine della storia, arricchita da una veste grafica rinnovata. Luciana Mauro, autrice di “Blanche”, è una giornalista redattrice del quotidiano “Il Mattino” di Salerno. Oltre alla sua attività giornalistica, è anche co-fondatrice dell’Associazione culturale “Scriptorium. Comunicazione, Linguaggi alternativi, Dolce cultura”.

    Appassionata di gialli e cucina, Mauro è nota per coniugare il brivido del genere con l’aspetto culinario, creando personalmente un menù ispirato alla trama dei suoi racconti. L’evento, in programma per il 26 gennaio, si concluderà con un commento da parte di un ospite misterioso e l’ingresso sarà libero per tutti gli interessati.

    L’incontro promette di offrire una duplice chiave di lettura grazie alle suggestioni di Luciana Mauro e Aglaya Fernandez, che porteranno i partecipanti in un mondo fatto di immagini vivaci, reali e struggenti. Un’occasione imperdibile per immergersi in un racconto misterioso e romantico, permeato da un valore simbolico altamente suggestivo. Un evento che unisce la passione per la scrittura al potere evocativo delle immagini, offrendo ai partecipanti un’esperienza coinvolgente e unica nel suo genere.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE