Reggio Calabria, prete aggredito dopo la messa: aveva invitato i fedeli a fare le condoglianze fuori alla chiesa

SULLO STESSO ARGOMENTO

Nella serata di ieri, la comunità diocesana di Oppido – Palmi in provincia di Reggio Calabria è stata scossa da un evento preoccupante che ha avuto luogo a Varapodio al termine di una Celebrazione Eucaristica nella chiesa parrocchiale di Santo Stefano, quando il parroco don Giovanni Rigoli è stato aggredito da individui che avevano partecipato alla funzione.

Spintoni e una testata al volto del parroco che è stato costretto a ricorrere alle cure dei medici dell’ospedale.

Il motivo dell’aggressione è stato l’invito di don  Giovanni Rigoli ai partecipanti a una messa in suffragio di un anziana a fare le condoglianze all’esterno della scuola nel rispetto delle indicazioni anticovid.

    Le autorità sono state prontamente allertate e le condizioni del sacerdote, giunto subito al pronto soccorso di Gioia Tauro, sono sotto stretta osservazione. Il vescovo della diocesi, monsignor Giuseppe Alberti, ha condannato fermamente l’aggressione ed espresso vicinanza a don Giovanni: “Siamo profondamente sconvolti da questo atto di violenza contro uno dei nostri sacerdoti. Gli attacchi contro i membri del clero non solo colpiscono la persona coinvolta, ma feriscono anche la fede e la spiritualità della nostra comunità.

    Certe azioni azzerano l’impegno spirituale di ogni individuo e quando permettiamo che simili azioni prevalgano, rischiamo di invalidare la fede stessa che ci unisce”. 

    Sull’episodio indagano i carabinieri che hanno interrogato numerose persone e sono vicini ad identificare i due violenti.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Blitz a Pomigliano d’Arco: armi e droga, indagata famiglia peruviana

    A Pomigliano d'Arco, i carabinieri della stazione locale hanno condotto un blitz presso un'abitazione situata in via Mauro Leone. L'operazione ha coinvolto un'intera famiglia...

    Lumache giganti vive in valigia: sequestro in aeroporto a Napoli durante controllo a nigeriano

    Durante un controllo nell'aeroporto di Capodichino a Napoli, i funzionari dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli hanno individuato un cittadino nigeriano proveniente dal Benin...

    20 vittime della strada nell’ultimo fine settimana in Italia

    Il fine settimana che va dal 16 al 18 febbraio ha registrato 20 vittime sulle strade italiane a causa di incidenti, un numero identico...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE