Anche Oreo scarica Chiara Ferragni: “La beneficenza era un’iniziativa personale”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Mondelez Italia, titolare del marchio Oreo, ha risposto al Codacons spiegando che la collaborazione con Chiara Ferragni non prevedeva alcun accordo di beneficenza.

La Ferragni, a seguito dell’emergenza Covid, ha deciso autonomamente di donare in beneficenza i proventi della vendita di una parte della capsule collection realizzata in collaborazione con Oreo.

La società Mondelez Italia ha precisato che l’accordo di collaborazione con Chiara Ferragni riguardava la realizzazione di una capsule collection di abbigliamento in edizione limitata, di cui una parte è stata utilizzata come premio di un concorso e l’altra è stata venduta direttamente dall’influencer. L’accordo non prevedeva alcun impegno di beneficenza da parte di Oreo o di Chiara Ferragni.



A seguito dell’emergenza Covid, Chiara Ferragni ha deciso autonomamente di donare in beneficenza i proventi della vendita della parte della capsule collection nella sua disponibilità. Venuta a conoscenza di questa decisione, anche Oreo ha deciso di effettuare una donazione allo stesso ente (Cesvi a favore dell’emergenza Coronavirus).

Il Codacons, ringraziando Oreo per i chiarimenti forniti, ha ora chiesto alle società della Ferragni e al Ministero del lavoro tutti i dettagli circa la donazione effettuata, per capire l’entità delle vendite della capsule collection, le somme destinate in beneficenza, la data e le modalità della donazione. In caso di mancata risposta, sarà inevitabile una nuova denuncia contro l’influencer.

La vicenda è stata oggetto di polemiche, poiché Chiara Ferragni aveva pubblicizzato la capsule collection come un’iniziativa di beneficenza, senza chiarire che si trattava di una sua iniziativa personale.

 “Per informazioni più dettagliate circa la suddetta vendita della capsule collection e la relativa donazione, Vi invitiamo pertanto a rivolgervi direttamente alla Sig.ra Chiara Ferragni”, scrive Mondella Italia.

“Il Codacons, ringraziando Oreo per i chiarimenti forniti, ha ora chiesto alle società della Ferragni e al Ministero del lavoro – competente per le raccolte fondi – tutti i dettagli circa la donazione effettuata, per capire l’entità delle vendite della capsule collection, le somme destinate in beneficenza, la data e le modalità della donazione. In caso di mancata risposta, sarà inevitabile una nuova denuncia contro l’influencer”, fa sapere l’Associazione dei consumatori.

Leggi anche




LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Giugliano, tocca un cavo scoperto: giovane rom di 21 anni muore folgorato

Un giovane di 21 anni residente nel campo rom di Scampia è morto folgorato, dopo essere stato trasportato senza vita al pronto soccorso dell'ospedale San Giuliano di Giugliano dai suoi amici. Nonostante i tentativi di rianimazione da parte del personale medico, purtroppo non c'è stato nulla da fare. Gli agenti del commissariato di polizia di Giugliano sono intervenuti presso il nosocomio di via Basile e un'indagine sarà aperta per fare luce sulla vicenda. Al momento non...

Oroscopo di oggi 24 febbraio 2024

Oroscopo di oggi 24 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno Ariete: oggi potresti sentirti particolarmente energico e determinato a raggiungere i tuoi obiettivi. È il momento ideale per mettere in pratica le tue idee e per concentrarti sulle tue passioni. Toro: potresti sentirti un po' confuso riguardo alle tue priorità e ai tuoi obiettivi. È importante prenderti del tempo per riflettere e per capire cosa è veramente importante per te. Gemelli: oggi potresti essere...

Camorra, 50 anni di carcere per il racket del pane ai nuovi Lo Russo di Miano

I nuovi capi del clan Lo Russo di Miano, accusati di estorsione aggravata, per il cosiddetto racket del pane hanno incassato 50 anni di carcere. Lee condanne hanno riguardato Salvatore Di Vaio, 48 anni, detto "Totore o' Cavallo",  Alessandro Festa, 24 anni, Cosimo Napoleone, 33 anni, Fabio Pecoraro, 26 anni, Giovanni Perfetto, 59 anni, detto "o' mostr ("il mostro", ndr) e Raffaele Petriccione, 25 anni, detto "Raffaele o' pazz" sono stati condannati a 7 an...

Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE