Al Museo di Pietrarsa open day a 2 euro, domenica 28 gennaio

SULLO STESSO ARGOMENTO

Opportunità offerta periodicamente ai visitatori.

Il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, al confine tra Portici e Napoli, domenica 28 gennaio apre le porte al pubblico con una promozione speciale a soli due euro. Una opportunità – spiegano al sito museale- offerta periodicamente dalla direzione del Museo allo scopo di avvicinare e sensibilizzare le persone, e in particolare i più giovani, alla bellezza paesaggistica, storica e culturale nella vasta area su cui sorge l’ex opificio borbonico.

Il sito museale della Fondazione FS, un tempo fu culla dell’industria meccanica e ferroviaria. E lì oggi si può comprendere, attraverso l’esplorazione della ricca collezione di rotabili d’epoca, documenti e reperti unici custoditi nel Museo, il progresso tecnologico che ha portato alla nascita dell’Alta Velocità. Partendo dal Padiglione delle locomotive, il visitatore è gradualmente immerso in un progressivo percorso evolutivo iniziato con la Bayard e proseguito con altre locomotive a vapore a mano a mano sempre più potenti o veloci.

    Continuando la visita, si giunge ai capannoni dove sono esposti veicoli a trazione diesel ed elettrica, le Littorine, la Carrozza Salone del Treno Reale (poi Presidenziale), altre vetture di vario tipo (Centoporte, Cellulare, Postale) e un esemplare di treno che già nella forma aerodinamica lascia intravedere una sorta di progenitore dei moderni Frecciarossa.

    Ma il Museo offre anche la possibilità di passeggiare tra giardini botanici mentre i più piccoli potranno divertirsi ammirando i grandi plastici dei treni in miniatura, o facendo un insolito giro a bordo del trenino gommato lungo i viali che si affacciano sul Golfo di Napoli.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

    È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

    Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

    Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

    Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

    Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE