Camorra, il figlio del boss Troncone ai commercianti che non pagavano: “Ti sparo un colpo in fronte”

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Ora ti sparo una botta (un colpo) in fronte, non ho paura di nessuno e neanche di ucciderti”. Girava per i commercianti di Fuorigrotta armato  e senza timore di essere intercettato dalle forze dell’ordine pur sapendo di essere sotto inchiesta Giuseppe Troncone figlio del boss Vitale.

Padre e figlio sono stati arrestati stamane dai carabinieri insieme  con il cognato del boss Luigi Troncone e un affiliato di lunga data come Benito Divano. Il gruppo di camorra che controlla gli affari illeciti nella zona di Fuorigrotta nelle adiacenze dello stadio Diego Armando Maradona aveva imposto il pizzo di 500 euro per poter vendere i gadget del Napoli durante la festa Scudetto dello scorso maggio.

Ma non solo perché il gruppo aveva imposto anche per 6-7 mesi quantitativi di sigarette di contrabbando (150/200 stecche) da mettere in vendita sempre alle loro condizioni. E secondo quanto emerge dall’ordinanza cautelare notificata stamane ai quattro su disposizione della Dda di Napoli  una coppia di ambulanti vessati non riusciva a vendere quanto richiesto.

E per questo che arrivarono le minacce di morte: “Qua stiamo noi e comandiamo noi, e ti devi fare quello che diciamo noi. Ti sparo una botta in fronte, non ho paura di nessuno e neanche di ucciderti. Devi dire a tua moglie che non deve intromettersi… non ho paura di uccidervi… per colpa tua mio figlio é armato e sta rischiano di essere arrestato”, sono state le minacce di Giuseppe e Vitale Troncone.

Poi ad incalzarli con le minacce armate è tornato il cognato Luigi Troncone: “…e ora perchè non mi hai dato tutti i soldi che devi darci, mi ha costretto a scendere anche domani che è domenica”. E così il giorno dopo, i soldi sono stati consegnati direttamente al boss Vitale Troncone.  Le minacce di morte, anche rivolte al figlio della coppia di ambulanti di Fuorigrotta, sono quindi continuate anche dopo la denuncia alle forze dell’ordine.

@riproduzione riservata

Leggi anche



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Forio, arrestato pusher 31enne

Nel corso dei controlli pomeridiani a Forio, sull'Isola d'Ischia, la Polizia di Stato ha arrestato un 31enne in possesso di droga. Durante un'ispezione presso l'abitazione...

Casoria, 60 chili di droga nascosti nel vano lavanderia: arrestati padre e figlio

I due incensurati di 62 e 25 anni sono stati trovati in possesso di ben 60 chilogrammi di marijuana

Napoli, aggressioni e furti a Chiaia: 7 arresti

Quattro sono gli autori della tentata rapina e aggressione al Flanagan's di Chiaia dell'agosto scorso

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE