Afragola, il nipote assassino conferma e chiede gli arresti domiciliari

SULLO STESSO ARGOMENTO

L’udienza di convalida del fermo emesso nei confronti di Gaetano Santaniello, accusato dell’omicidio della zia, Concetta Russo, è stata brevissima, durando poco più di mezz’ora.

La vittima, una donna di 55 anni, è stata uccisa da un colpo esploso accidentalmente durante i festeggiamenti di Capodanno in un’abitazione ad Afragola, nella provincia di Napoli.

Gaetano Santaniello, 45 anni, difeso dall’avvocato Francesca Salvatici, è stato ascoltato questa mattina nel carcere napoletano di Poggioreale dal giudice per l’udienza di convalida del Tribunale di Napoli Nord.

    Durante l’udienza, Santaniello ha confermato quanto già riferito agli investigatori: il colpo è partito involontariamente dalla pistola che stava mostrando ai parenti, credendo che fosse completamente scarica.

    La difesa ha richiesto la non convalida del fermo e gli arresti domiciliari

    Santaniello è accusato di omicidio colposo, porto abusivo di arma in luogo pubblico e ricettazione. La difesa ha richiesto la non convalida del fermo e ha chiesto di non applicare misure cautelari o di modificarle in arresti domiciliari.

    @riproduzione riservata

     



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Angri, ladri al ristorante con ragazzi autistici, Gemma: “Atto vile verso i più deboli”

    "Un attacco vile ha colpito il ristorante solidale Raù di Angri, in provincia di Salerno. Sono vicina ai fondatori del laboratorio che si occupa...

    Napoli, “Se non mi date i soldi vi uccido”, 5 studenti minacciati con un coltello da un presunto camorrista

    Nella recente rapina avvenuta a Napoli, 5 studenti ventenni sono stati minacciati da un individuo mentre si preparavano a riprendere l'auto parcheggiata in via...

    Ordine dei Geologi: “A Napoli urgente indagine sul sottosuolo”

    L'Ordine dei Geologi della Campania ha sollecitato un puntuale monitoraggio del territorio napoletano, iniziando dai quartieri più a rischio come il Vomero, in seguito...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE