Nonna Caterina muore di angoscia per una bolletta dell’acqua da 15 mila euro

SULLO STESSO ARGOMENTO

Tutto è iniziato tre settimane fa, quando la nuora di Caterina le ha letto l’importo della bolletta. L’anziana donna è rimasta scioccata: non aveva mai pagato così tanto per l’acqua.

La bolletta era stata pagata in automatico dalla banca, ma Caterina non aveva controllato l’importo. Quando ha saputo quanto doveva, è stata colta da un attacco di panico.

È stata portata in ospedale, ma le sue condizioni sono peggiorate rapidamente. È morta la notte di Natale, dopo 15 giorni di ricovero.

    I familiari di Caterina sono convinti che la sua morte sia stata causata dall’angoscia per la bolletta.

    Hanno raccontato che l’anziana donna era una persona molto ansiosa e che l’importo esorbitante della bolletta l’ha completamente sconvolta.

    Iren, il fornitore dell’acqua, ha riconosciuto l’errore e ha detto che la bolletta non era dovuta.

    Tuttavia, questa notizia non ha consolato i familiari di Caterina, che chiedono chiarezza su quanto accaduto.

    Assoutenti, l’associazione dei consumatori, ha definito la vicenda “un monito pesante” per tutte le società che gestiscono i servizi idrici.

    L’associazione ha chiesto che le anomalie delle bollette vengano sottratte all’intelligenza artificiale e affidate a persone.

    La senatrice Raffaella Paita, di Italia Viva, ha detto che la vicenda dovrebbe essere un monito per tutti.

    “Un mondo fatto di call center e di rapporti impersonali può essere inospitale e ostile per gli anziani più deboli”, ha concluso.

    La morte di nonna Caterina è un caso tragico che mette in luce la necessità di proteggere gli anziani più vulnerabili da abusi e ingiustizie.

    È importante che le società che gestiscono i servizi idrici siano più responsabili e che le anomalie delle bollette vengano gestite con attenzione e sensibilità.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Fuori venerdì 23 febbraio ‘Realness’, il nuovo singolo di Cecchy

    Nuovo singolo di Cecchy "Realness" in uscita venerdì 23 febbraio "Cecchy continua a raccontare la complessa realtà del quartiere di Ponticelli con il suo...

    I piatti della Quaresima a Napoli alla trattoria e pizzeria “Ieri,Oggi, Domani”

    Nel nome dei piatti della Quaresima a Napoli, la trattoria e pizzeria “Ieri,Oggi, Domani”, con il suo patron Pasquale Casillo, ha dedicato un momento...

    Nola, fatture false: sequestrati circa 8 milion i di euro a società di commercio alcolici

    Stamane i militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal Giudice...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE