Napoli, ambulanza arriva in 8 minuti ma l’equipaggio viene aggredito a calci e spintoni

SULLO STESSO ARGOMENTO

L’equipaggio di un’ambulanza del 118 è stato aggredito a Napoli, nonostante sia arrivato sul posto in soli 8 minuti.

L’episodio è avvenuto la scorsa notte, in via Sant’Attanasio, nel quartiere San Lorenzo. I sanitari sono stati chiamati per un arresto cardiaco, ma quando sono arrivati sul posto sono stati accolti da un gruppo di persone, presumibilmente dei vicini di casa della paziente, che hanno aperto le porte dell’ambulanza e hanno tirato di peso gli operatori.

I sanitari sono stati quindi spintonati, insultati e colpiti con calci, fino a quando non sono riusciti a rifugiarsi all’interno dell’ambulanza. La paziente, purtroppo, era già morta da tempo, forse ancor prima che venisse allertato il soccorso.

“Il 118 continua ad essere la realtà lavorativa più difficile”, ha commentato Manuel Ruggiero, presidente e portavoce dell’associazione Nessuno Tocchi Ippocrate. “I nostri operatori sono soli, senza un posto dove rifugiarsi, senza vigilanza privata, senza drappelli di polizia. E sono costretti ad affrontare situazioni difficili, imprevedibili, pericolose e talvolta rischiose”.

L’associazione ha lanciato un appello al governo, chiedendo maggiori tutele per gli operatori sanitari. “Parlano, parlano, ma non fanno niente di serio e concreto”, ha commentato Ruggiero. “E noi ci rimettemo la vita”.

L’episodio di Napoli è l’ennesimo di una lunga serie di aggressioni che hanno coinvolto gli operatori del 118. Solo nel 2023, sono state registrate 88 aggressioni.

@riproduzione riservata




LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Camorra, 50 anni di carcere per il racket del pane ai nuovi Lo Russo di Miano

I nuovi capi del clan Lo Russo di Miano, accusati di estorsione aggravata, per il cosiddetto racket del pane hanno incassato 50 anni di carcere. Lee condanne hanno riguardato Salvatore Di Vaio, 48 anni, detto "Totore o' Cavallo",  Alessandro Festa, 24 anni, Cosimo Napoleone, 33 anni, Fabio Pecoraro, 26 anni, Giovanni Perfetto, 59 anni, detto "o' mostr ("il mostro", ndr) e Raffaele Petriccione, 25 anni, detto "Raffaele o' pazz" sono stati condannati a 7 an...

Traffico illegale di rifiuti tra Campania e Tunisia: scattano gli arresti

Un'operazione coordinata dalla Procura di Potenza ha portato alla scoperta di un traffico illegale di rifiuti speciali tra Campania e Tunisia. Circa 80 militari del gruppo Carabinieri per la tutela ambientale e la sicurezza energetica di Napoli, insieme al personale della Dia-Direzione investigativa antimafia, stanno attuando misure cautelari personali e patrimoniali nelle province di Napoli, Salerno, Potenza e Catanzaro. .

Caivano, casa trasformata in piazza di spaccio: arrestate due donne

Valentina Cirico e Filomena Ambrosio, rispettivamente di 33 e 35 anni, avevano trasformato la casa in una vera e propria piazza di spaccio in cui ricevevano i clienti. I carabinieri stavano monitorando il continuo via vai di persone da quell'abitazione di Caivano e quando hanno capito che potevano trovare la droga sono intervenuti. Durante la perquisizione, infatti i Carabinieri hanno sequestrato 90 dosi di cocaina, 108 grammi della stessa sostanza da suddividere, 6 bustine di marijuana...

Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE