IL VIDEO

Ladri al caseificio Franzese di Aversa messi in fuga dal sistema di allarme

SULLO STESSO ARGOMENTO

Ladri in azione l’altra notte nella sede dei caseificio Franzese di Aversa. In quattro con il volto coperto da passamontagna hanno cercato di portare a termine il colpo ma non hanno fatto i conti con i sistemi di allarme  e con il pronto intervento della vigilanza.

In tre armati di piede di porco mentre un quarto faceva da palo in strada, hanno cercato di scassinare la saracinesca. La loro azione, durata poco più di un minuto, si è dovuta interrompere per l’entrata in azione dell’allarme che hanno portato una pattuglia della vigilanza Hermes ad arrivare sul poso in poco più di un minuto.

Il tempo di accorgersi del loro arrivo da parte banditi tanto da decidere di desistere e darsi alla fuga.

    Ora le immagini, del sistema di video sorveglianza, che ritrae la scena sono state consegnate alle forze dell’ordine che stanno lavorando alla loro individuazione.

    @riproduzione riservata

     



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Ancora controlli al Parco Verde di Caivano: 244 identificati

    Controlli a Caivano: operazione straordinaria delle forze dell'ordine.ù Nella giornata di ieri, il Commissariato di Afragola, in collaborazione con il Reparto Prevenzione Crimine Campania, ha...

    Arrestato pusher a Villa Literno grazie al cane antidroga Luna

    A Villa Literno, nel casertano, i carabinieri hanno arrestato un giovane pusher grazie all'intervento del cane antidroga Luna, che ha scoperto la presenza di...

    Napoli, morta Alessandra Golia, la storica restauratrice del Museo di Capodimonte

    Cordoglio al Museo Capodimonte per la scomparsa della storica restauratrice Alessandra Golia. Il direttore Eike Schmidt e il personale del Museo e Real Bosco...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE