Gaming e Gambling: quali le differenze?

I mondi del gaming e del gambling spesso si intrecciano, portando molti a chiedersi se non siano semplicemente due facce della stessa medaglia. Sebbene il gaming e il gambling condividano alcune somiglianze, esistono anche differenze fondamentali che li distinguono. Andremo ad analizzarle nel corso dell’articolo, concentrandoci sulla crescente convergenza dei due mondi nell’era del digitale e della rivoluzione tecnologica. 

Definizioni

  • Con il termine gaming, ci si riferisce in genere ai videogames, che possono comprendere giochi d’azione, di ruolo, d’avventura, ma anche simulazioni sportive e altro ancora. Il fattore discriminante di questo genere è l’abilità: centrale per uscire vittoriosi da una sessione.
  • Quando si parla di gambling, invece, ci si riferisce al gioco d’azzardo nell’accezione più generale del termine. Esso comprende le slot-machines, il blackjack, la roulette e altri titoli. Qui il fattore discriminante è il caso, relativamente più centrale e importante del fattore strategia.

Differenze chiave

Una delle principali differenze risiede nell’elemento dell’abilità. Se il videogioco – in senso ampio – richiede spesso talento e abilità; il gioco d’azzardo è spesso guidato dal caso. Ciò non esclude comunque una percentuale di strategia e di studio dei titoli.

Un’altra differenza chiave è il tipo di competizione. Da un lato si compete con altri giocatori; dall’altro, invece, contro il casinò o il banco. Con l’evolversi della tecnologia, le differenze tra i due ambiti vanno sempre più sfumando. 

Dinamiche di convergenza

Nonostante queste differenze, c’è una crescente convergenza tra gioco e gioco d’azzardo. Molti videogiochi stanno cominciando ad integrare elementi simili al gioco d’azzardo. Parliamo per esempio delle loot box: scatole premio che contengono oggetti virtuali e che permettono ai giocatori l’utilizzo di denaro reale per la compravendita. Anche i giochi a tema casinò, come il poker e il blackjack online, cominciano a diffondersi a macchia d’olio.

L’abilità comincia a riguardare anche il mondo del gioco d’azzardo. Pensiamo al poker online, in cui i giocatori devono sfruttare talento e bluff per arrivare al risultato sperato. Sembra chiaro che con l’evolversi dei giochi live lo stesso modello di competizione divenga sempre più simile a quello proprio del gaming.

Da non sottovalutare l’aspetto sociale. Nei casinò, giochi come il poker comportano l’interazione con altri giocatori. Allo stesso modo, molti videogiochi prevedono modalità multiplayer in cui gli utenti possono interagire e competere con altri utenti.

Gioco responsabile

Che si tratti di gaming o gambling, è importante giocare in modo responsabile.  Ricordiamo che le due attività possono causare dipendenza e che è necessario stabilire dei limiti rigidi a cui attenersi. Potrebbe trattarsi di un limite nel bankroll; un limite di tempo e altro ancora. Allo stesso tempo, bisogna essere capaci di individuare i segnali di un comportamento problematico e cercare aiuto se si rivela necessario. I segnali di allarme possono comprendere: spendere più tempo o denaro del previsto sulla piattaforma, sentirsi ansiosi o in colpa dopo una giocata.

Molti operatori online AAMS aiutano l’utente a stabilire dei limiti: per esempio con dinamiche di auto-esclusione, limiti massimi di deposito e prelievo, controlli sull’identità e altro ancora. Sono inoltre disponibili numeri e contatti di supporto per lottare contro la dipendenza. In generale, giocare responsabilmente dipende dagli utenti ma anche dalle misure delle piattaforme online.

Ultime considerazioni: due facce della stessa medaglia?

Sebbene il gaming e il gambling presentino alcune analogie, non sono la stessa cosa. I due ambiti offrono esperienze uniche e si rivolgono a diversi tipi di giocatori. Ricordiamo che è sempre saggio cercare le migliori piattaforme italiane e internazionali prima di iscriversi a un sito, e senza dimenticare di porsi dei limiti e di utilizzare il divertimento in maniera sana.

 

LEGGI ANCHE

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

Quartieri Spagnoli, arrestato il figlio del boss Ciro Mariano

Raffaele Mariano, 48 anni, aveva appena rapinato due giovani

IN PRIMO PIANO

LE ALTRE NOTIZIE