Inondavano di  cocaina i comuni del Cilento; 4 misure cautelari

SULLO STESSO ARGOMENTO

La droga, proveniente dalla provincia di Napoli, ha trovato il suo percorso fino al Cilento.

I Carabinieri della compagnia di Agropoli (Salerno) e della stazione di Sant’Anastasia (Napoli) hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari per tre persone e, per un altro individuo, la misura cautelare personale del divieto di dimora nel comune di Agropoli.

Tutti gli interessati sono originari delle province di Salerno e Napoli. Tale provvedimento è stato emesso dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Vallo della Lucania, su richiesta della Procura vallese, in relazione ai reati di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente.

    Secondo quanto emerso dalle indagini condotte, gli indagati avrebbero organizzato una rete di spaccio, importando dall’area partenopea considerevoli quantità di cocaina.

    Successivamente, la droga veniva distribuita al dettaglio nei territori dei comuni di Agropoli, Montecorice, Castellabate, Torchiara e Perdifumo, nell’area del Cilento.

    @riproduzione riservata



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

    Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

    Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

    Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

    È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE