Carinaro, teneva botti illegali in casa: denunciato 45enne

SULLO STESSO ARGOMENTO

Carinaro. I carabinieri sapevano che in questo periodo di festività natalizie un pregiudicato poteva detenere botti illegali.

E per questo stamane i carabinieri della Stazione di Gricignano di Aversa, hanno proceduto alla perquisizione domiciliare nei confronti di un 45enne del luogo, già noto alle forze dell’ordine per produzione, traffico e detenzione di sostanze stupefacenti e possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli.

Nel corso delle operazioni, eseguite all’interno del suo appartamento di Carinaro, l’uomo è stato trovato in possesso di oltre 40 Kg di fuochi d’artificio e di ordigni pirotecnici artigianali di iv e v categoria, adagiati su di un tavolo in veranda e detenuti in assenza delle previste autorizzazioni.

    Il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro penale. Il 45enne, che dovrà rispondere di detenzione illegale di materiale esplodente, è stato accompagnato in caserma e denunciato in stato di libertà.

    @ riproduzione riservata

     

     



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Tampona e fa cadere moto: automobilista denunciato. Ferito gravemente il centauro

    Il 57enne dovrà rispondere delle accuse di lesioni personali stradali a seguito di un incidente verificatosi nella serata del 19 febbraio scorso. Durante la...

    Torre del Greco, faceva prostituire la compagna e mamma di suo figlio: arrestato

    L'uomo, di 29 anni, a volte costringeva la compagna di soli 21 anni a guardare mentre faceva sesso con altre donne

    Mostra ‘Incisioni…naturalmente’ di Vittorio Avella a Napoli

    Mostra "Incisioni...naturalmente" di Vittorio Avella a Napoli Vittorio Avella porta la sua mostra "Incisioni...naturalmente" a Napoli, dopo vent'anni, presso la galleria Frame Ars Artes...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE